redazione@tgplus.it
TG+TG+ Treviso

Al lavoro in bici o a piedi, partono gli incentivi “Bike To Work”

680Views
Condividi sui social

ATTUALITA’. Al lavoro in bici o a piedi, partono gli incentivi “Bike To Work”

Partirà il 1° giugno l’iniziativa BIKE TO WORK IPA MARCA TREVIGIANA. Promossa dall’Intesa Programmatica d’Area Marca Trevigiana e diretta ad incentivare la riduzione del traffico, Bike To Work intende promuovere uno stile di vita sano e sostenere, al contempo, le attività produttive locali attraverso incentivi economici a favore dei lavoratori residenti nei comuni partecipanti che faranno uso della bicicletta o altri mezzi di mobilità “slow” per recarsi sul luogo di lavoro.
Al lavoro in bici o a piedi, partono gli incentivi “Bike To Work” – Notizie Plus

POLITICA. Giuseppe Romano è il nuovo Sindaco di Vedelago

Giuseppe Romano è il nuovo Sindaco di Vedelago. Una vittoria scaturita da una vera e propria lotta all’ultimo voto visto che Romano ha vinto con 3.590 voti (il 50,30%) contro l’ex vicesindaco Marco Perin che ne ha ottenuti 3.547 (49,70%).

CRONACA. Sanità trevigiana con poco personale, Cgil manifesta

Dimissioni, carenza di personale e difficoltà a coprire i turni di lavoro.La situazione del personale sanitario in provincia di Treviso, dai medici agli infermieri ma anche dirigenti e amministrativi, è preoccupante. A lanciare l’allarme è la Fp Cgil di Treviso che oggi, 29 maggio, davanti all’ospedale Cà Foncello di Treviso ha dato il via alla raccolta firme, nell’ambito della campagna regionale per la sanità pubblica, per chiedere un piano straordinario di assunzioni nel mondo pubblico. La provincia di Treviso negli ultimi 10 anni, pur avendo assunto un numero ingente di personale nel 2020, presenta un segno negativo. Solo nel 2022 l’azienda sanitaria trevigiana ha registrato 600 dimissioni.

QUALITA’ DELLA VITA. Per Il Sole 24 Ore a Treviso gli anziani stanno meglio dei giovani

Tra bambini e giovani a Treviso e provincia stanno meglio gli anziani. Le tre categorie e i servizi a loro rivolti sono stati analizzati per il terzo anno dal Sole 24 Ore, che ha dato i voti alle 107 province italiane analizzando la qualità della vita per fasce d’età. I giovani sono i più “penalizzati”, la Marca infatti si posiziona solo al 50esimo posto in classifica, migliorando la posizione rispetto allo scorso anno ( era al 77esimo posto nel 2022) ma rimane ancora indietro, superata in Veneto da tutte le altre province esclusa Venezia.

 


Condividi sui social