redazione@tgplus.it
TG+

Dal Zilio: “Sul Canova, Treviso è stata sleale” – TG Plus NEWS

1.18KViews
Condividi sui social

Notizie 19 aprile – edizione mattina

 

Attualità. Questione Canova, Dal Zilio: “Treviso è sleale”

Duro atto di accusa del sindaco di Quinto Mauro Dal Zilio sulla questione della variazione delle rotte degli aeromobili in arrivo ed in partenza dallo scalo trevigiano. “Il Comune di Treviso ha avuto un comportamento scorretto – l’accusa del politico – Siamo amareggiati, non è possibile che i cittadini di Quinto siano gli unici a sopportare i voli a bassa quota, né posso accettare di passare in seconda fila”. Intanto il consigliere regionale d’opposizione Andrea Zanoni attacca: “Questo è l’ennesimo esempio di governo del cambiamento, ovviamente in peggio”.

Cronaca. Furti alla “Stiga”, sette dipendenti cacciati

Insospettabili e per questo finora impuniti. Ma un errore è stato fatale alla banda interna all’azienda di Salvatronda produttrice di attrezzi da giardinaggio. Da tempo la ditta era vittima di furti di materiale, apparentemente senza spiegazioni. La recente scomparsa di un trattorino sperimentale, sparito durante un trasporto in camion tra Salvatronda e Resana, ha indirizzato le indagini verso la pista interna. Uno dei componenti della banda ha confessato, aiutando gli inquirenti ad identificare i ladri: due dipendenti hanno già firmato il licenziamento, gli altri dovranno presto abbandonare il posto di lavoro.

Cronaca. Scoperto B&B del sesso

Teoricamente era un semplice appartamento affittato secondo la formula AirB&B. In realtà si trattava di una alcova a disposizione delle prostitute. Dopo mesi di indagini, i Carabinieri di Belluno hanno incastrato il titolare della struttura, un 61enne italiano. Collaudata la formula: l’uomo reclutava le escort nei siti specializzati, mettendo a disposizione l’appartamento alla tariffa giornaliera di 50 euro, cambio di biancheria compreso; le tariffe delle prestazioni sessuali invece variavano dai 70 ai 150 euro. Tanti i clienti trevigiani delle meretrici.

Attualità. Pace fatta tra Credito Trevigiano e conte Emo

Si chiude il contenzioso tra il discendente della nobile casata e l’istituto di credito che ha accettato le scuse di Leonardo Emo Capodilista ed un risarcimento di 40mila euro. La lite era scoppiata dopo le dichiarazioni rilasciate dal conte in seguito alla decisione della banca di cedere la storica dimora palladiana. La cifra versata sarà devoluta interamente all’Ulss 2 Marca Trevigiana per finalità di beneficienza.


Condividi sui social