redazione@tgplus.it
TG+TG+ Venezia

Impianto Veritas di Fusina, approfondimenti di Regione e Ministero – TG Plus NEWS

997Views
Condividi sui social

TG Plus NEWS Venezia – ed. mattina 2 luglio

Attualità. Impianto Veritas di Fusina, approfondimenti di Regione e Ministero

La questione dell’impianto Veritas di Fusina continua ad essere uno dei temi principali di discussione del territorio veneziano e non solo. Un progetto che consta di tre linee, due delle quali servono per il Combustibile Solido Secondario, ovvero quel materiale che non è possibile ulteriormente riciclabile, e la terza per la combustione dei fanghi che – sottolinea Veritas – sono quelli provenienti dalla rete civile. Tanto per essere chiari si tratta di quello che proviene dalle fogne. La prima linea è pronta per essere attività subito, mentre le altre hanno rispettivamente tre e quattro anni come tempo di costruzione. La Regione e Ministero ci vogliono vedere chiaro proprio quando il 9 di luglio dovrebbe entrare in azione la prima linea. Parleremo in modo più approfondito di questo argomento nel TG Focus in onda oggi sui nostri canali social.

Attualità. Le vittime da Covid-19 in provincia sono 300

Purtroppo il computo delle vittime da covid-19, nella provincia di Venezia, è arrivato a quota 300. Un numero tondo che fa riflettere su quello che è stato l’impatto del Coronavirus nel nostro territorio. Ora le cose stando andando meglio, ma è chiaro che l’attenzione non può di certo calare, anche perché le notizie che provengono a livello regionale parlano di presenza ancora, anche seppur minimi, di focolai. Fortunatamente Venezia, che era una delle città maggiormente colpite all’inizio dell’emergenza, ha visto risolversi il problema senza particolare strascichi, questo a dimostrazione dell’ottimo lavoro che è stato fatto soprattutto a livello sanitario. Da giorni – viene detto dall’Ulss 3 – non ci sono più casi positivi, ma è anche vero che stiamo parlando di un virus che potrebbe portare ulteriori problemi in autunno.

Cronaca. Bloccato uno spacciatore a Marghera

Rimane elevato il livello di attenzione della Polizia locale sulle attività di spaccio a Marghera. Dopo il rinvenimento e sequestro di mezzo etto di eroina in via Bottenigo da parte dell’unità cinofila antidroga, frutto della collaborazione tra Corpi di polizia diversi, le radiomobili del Servizio Sicurezza urbana stanno concentrando l’attenzione con grande intensità soprattutto sulla dorsale che va dai giardini di piazzale Sant’Antonio fino a piazzale Giovannacci e alle vie Rizzardi e Ulloa. Ieri, in due fasi sono riusciti a bloccare, nelle vicinanze della chiesa di Sant’Antonio, un cliente ed uno spacciatore. Subito il primo, in un secondo momento il pusher di origine nigeriana che ha anche cercato di scappare. Al termine degli accertamenti lo spacciatore è stato denunciato per spaccio e resistenza a pubblico ufficiale, mentre l’acquirente è stato segnalato alla Prefettura come assuntore di sostanze stupefacenti.

Attualità. Nuovo Bicipark del Tronchetto

La Giunta comunale di Venezia ha dato il via libera alla realizzazione del nuovo Bicipark del Tronchetto, sulla base del progetto presentato dalla cooperativa sociale “Il Cerchio”. Il progetto prevede la realizzazione, nei pressi della fermata del People Mover, di una struttura coperta per il parcheggio di 250 biciclette, dotata di rastrelliere a più livelli, cassa/ufficio, armadietti, area manutenzione. La scelta è stata quella di collocare la struttura proprio al Tronchetto, nodo fondamentale per la mobilità, in cui avviene l’interscambio fra i diversi mezzi di trasporto. Terminati i lavori, si avrà una zona ancor più organizzata, comoda e soprattutto funzionale alle esigenze di tutta la Città di Venezia. Il progetto ora arriverà in Commissione per essere discusso per poi arrivare in Consiglio comunale per la variante.

Condividi sui social