redazione@tgplus.it
TG+TG+ Venezia

Mestre, arrestato dalle Volanti il ladro del negozio per bambini – TG Plus NEWS Venezia

982Views
Condividi sui social

CRONACA. Mestre, arrestato dalle Volanti il ladro del negozio per bambini

Alle 3.30 circa di questa notte due equipaggi delle volanti sono intervenuti nei pressi di Via Querini, a seguito della segnalazione di un cittadino che ha visto un giovane nell’atto di infrangere la porta a vetri di un negozio per bambini. Al sopraggiungere delle  volanti, il giovane si era dato alla fuga, ma è stato bloccato in via Dante. si tratta di pregiudicato tunisino di 32 anni, già noto per aver commesso reati analoghi. L’uomo è stato portato in Questura dove  è risultato essere l’autore del furto commesso la sera precedente ai danni di un negozio di
alimentari in via Piave, durante il quale era stato ripreso dalle telecamere di sicurezza, e del furto
commesso il 2 novembre ai danni del negozio Tim di Piazza XXVII Ottobre . L’individuo  è stato quindi arrestato per il reato di furto aggravato commesso questa notte ed è stato denunciato per quello commesso la sera precedente. Il giudizio direttissimo è stato celebrato questa mattina e si è concluso con la condanna a due anni e due mesi con divieto di dimora nella Regione ed è stato rimesso in libertà ai fini dell’espulsione.

CRONACA. Manifestazione promossa dal G.O.I.A. in difesa del commercio ambulante


Questo pomeriggio, in piazza Ferretto a Mestre, si è svolta una manifestazione promossa dal G.O.I.A. (Gruppo Organizzato Indipendente Ambulanti) a favore delle piccole imprese con partite Iva contro i decreti emanati dal governo per fronteggiare l’emergenza Covid. “Come Amministrazione comunale – ha sottolineato nel suo intervento l’assessore al Commercio e Attività produttive del Comune di Venezia, Sebastiano Costalonga – ospitiamo volentieri questa manifestazione, che ha lo scopo di tenere viva l’attenzione sulla situazione pesantissima che sta vivendo il vostro comparto. E’ un vero e proprio grido di aiuto quello che oggi lanciate. Non solo vi siamo vicini, ma come Comune stiamo cercando di fare quanto ci è possibile per fronteggiare questa situazione”. “Ci sono ambulanti che svolgevano la loro attività nelle fiere – hanno ricordato nei loro interventi il coordinatore nazionale del Goia, Daniele Gregnanin, ed il presidente regionale Veneto-Friuli, Gilberto Marcolin – che ormai da marzo non lavorano. Hanno ricevuto un piccolo aiuto economico, per due mesi, di 600 euro, e poi più nulla. Chiediamo ora di essere ascoltati dal governo, di essere coinvolti nel momento in cui vengono prese decisioni che riguardano il nostro presente, ed il nostro futuro: stiamo parlando, in Veneto, di circa 18.000 aziende, a cui vanno aggiunti i relativi dipendenti, nonché l’indotto.”

CRONACA. Macelleria getta scarti di carne nei cassonetti dell’umido: sanzione da 7.500 euro

Operatori del Nucleo ambientale terraferma e del Nucleo Commercio terraferma della Polizia Locale di Venezia, insieme al Servizio veterinario dell’ULSS 3, sono intervenuti questa mattina, in una macelleria di Mestre, nel quartiere Piave, per un controllo volto alla tutela della salute. Gli agenti hanno riscontrato che all’interno dei bidoni dell’umido erano stati conferiti sottoprodotti di derivazione animale, pericolosi per la salute pubblica. Durante il controllo sono state rilevate anche altre violazioni di carattere amministrativo. Il Servizio Veterinario, oltre alle sanzioni di competenza, ha impartito prescrizioni di carattere igienico-sanitario per la pulizia dei locali e l’adeguamento dell’attività che sarà controllata al termine del periodo concesso. Complessivamente sono stati elevati verbali per un totale di 7.500 euro.

ATTUALITA’. Acquisti natalizi nei negozi di vicinato, due mestrini su tre dicono sì

Acquistare i regali di Natale nei negozi di vicinato? Per due mestrini su tre la proposta lanciata dalle associazioni di categoria è condivisibile. A patto che, oltre a una offerta e a un servizio di qualità, i commercianti del centro sappiano, come si suol dire, “fare squadra”.  In che modo? Semplice. Organizzandosi fra loro con tessere cumulative e bonus di vario genere o prevedendo sorprese per i propri clienti. E’ questo il risultato di un breve sondaggio che Adico ha svolto coinvolgendo un centinaio di soci.  “Una volta – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – associazioni dei consumatori e di categoria venivano coinvolti dal Comune nella programmazione natalizia. E bisogna dire che venivano fuori idee molto interessanti. Ormai questa metodologia non esiste più ed è un peccato.  Adico dunque prova a lanciare la sua proposta dicendo che i consumatori sono disponibili a concentrare i propri acquisti in centro ma bisogna creare una specie di centro commerciale all’aperto dove fare la spesa diventi un vero e proprio piacere. Naturalmente anche i prezzi sono importanti. E forse per una volta sarebbe stato il caso di far partire i saldi già a dicembre”.

 


Condividi sui social