redazione@tgplus.it
TG+TG+ Treviso

Plebiscito per la lista di Mario Conte, staccatissime Lega, PD e FdI

302Views
Condividi sui social

ELEZIONI. Plebiscito per la lista di Mario Conte, staccatissime Lega, PD e FdI

Non c’è gara a Treviso tra il sindaco leghista uscente Mario Conte, che a poco meno del 20% dello scrutinio sopravanza gli altri candidati con il 64,78% delle preferenze. Staccato nettamente, con il 27,35%, è Giorgio De Nardi, imprenditore candidato dal centrosinistra, più lontani gli altri. Conte vince soprattutto per la lista civica che porta il suo nome, che è il primo partito con il 30,5% delle preferenze, la Lega seconda con il 16,72%. Terzo è il Pd con il 15%, e quarto Fratelli d’Italia con il 12,4%.

CRONACA. Rapina da FootLocker, aggrediti i commessi

Una rapina è stata messa a segno questa mattina, lunedì 15 maggio, in Corso del Popolo a Treviso. Subito dopo le 11 di oggi dei malviventi sono entrati nel negozio di calzature Foot Locker e – sembra – avrebbero alzato le mani sui commessi. Per questo è accorsa anche un’ambulanza del Suem. Alla fine ii malviventi sono riusciti a scappare con alcune paia di scarpe di valore. Accorsi sul posto gli agenti della Questura di Treviso attualmente impegnati nelle indagini per risalire ai responsabili.

CRONACA. Muore escursionista 75enne, precipitata al Bivacco dei Loff

Un’escursionista di 75 anni, di Cornuda è morta per le lesioni riportate nella caduta, per alcune decine di metri, mentre stava salendo al Bivacco dei Loff, nel comune trevigiano di Cison di Valmarino. La donna è scivolata probabilmente sul terreno bagnato lungo il Sentiero dell’arco, non distante da Forcella Foran, sotto Cima Vallon Scuro, ed è ruzzolata una quarantina di metri, fermandosi a ridosso di un albero all’inizio del bosco.
Muore donna di 75 anni, precipitata durante un’escursione – Notizie Plus

CRONACA. Elettore beccato in seggio a fotografare la scheda

Operazioni svoltesi regolarmente nei seggi della provincia di Treviso dei Comuni interessati dalle amministrative, ora chiusi per gli scrutini. Da registrare solo, in tarda mattinata a Vedelago, il caso di un elettore che all’interno di un seggio presidiato da militari dell’Arma, contravvenendo al divieto di utilizzare apparecchiature di registrazione di immagini all’interno delle cabine elettorali, e’ stato sorpreso a fotografare la scheda elettorale utilizzando il proprio telefonino. La scheda è stata annullata dal presidente di sezione e il trasgressore deferito dai Carabinieri per la contravvenzione penale commessa.


Condividi sui social