redazione@tgplus.it
TG+TG+ Venezia

Sì finale all’Autorità Laguna, torna l’acqua alta – TG Plus NEWS Venezia

1.18KViews
Condividi sui social

ATTUALITA’. Sì finale all’Autorità per la laguna

Con il sì finale della Camera al Decreto Agosto, da ieri sera è nata ufficialmente l’Autorità per la laguna di Venezia, destinata a mandare per sempre in soffitta il Consorzio Venezia Nuova. In arrivo, fino al 2034, circa 40 milioni di euro per la gestione del Mose. Mose che potrebbe tornare ad alzarsi nella giornata di giovedì. Il Centro Maree ha stimato un ritorno dell’acqua alta che nella giornata di domani potrebbe arrivare a quota 100 centimetri, per toccare giovedì mattina alle 10.45 la quota di 130 centimetri, il limite che prevede l’entrata in servizio del Mose. Intanto, la lotta all’erosione costiera è stata tra gli argomenti del primo vertice tra il sindaco di Jesolo, Valerio Zoggia, e la neo eletta sindaca di Eraclea, Nadia Zanchin. I due sindaci hanno annunciato la volontà di fare fronte comune sui temi dell’erosione e la salvaguardia della costa. Un problema  che interessa, oltre alle zone di spiaggia di specifica competenza, anche la Laguna del Mort, che ricade su entrambi i territori comunali. I due sindaci hanno condiviso l’obiettivo di sensibilizzare gli enti competenti sul tema e alla definizione di programmi strutturali per la difesa costiera.

CRONACA. Servizi educativi, fumata nera in Prefettura

“Come Rsu, Cgil, Cobas, Csa, Diccap e Uil siamo totalmente insoddisfatti degli impegni assunti dall’amministrazione perché a quasi un mese dall’apertura delle scuole e a tre mesi dalla sperimentazione dei centri estivi la situazione continua a essere grave”. Così si sono espressi i sindacati, dopo il tavolo per il tentativo di conciliazione che si è svolto in prefettura riguardo alla situazione dei servizi educativi nel Comune di Venezia. I sindacati avevano sollevato tutta una serie di criticità relative al servizio, “ma”, denunciano, “’Amministrazione ha solo annunciato un possibile concorso alla fine del mese che si tradurrà in assunzioni nel prossimo anno quando la situazione di emergenza dei servizi educativi e degli uffici amministrativi è grave da più di sei mesi e l’Amministrazione ne era perfettamente a conoscenza”. “Adesso”, concludono i sindacati, ” convocheremo le assemblee del personale per confrontarci con le lavoratrici e decidere il percorso che ci porterà allo sciopero”.

ATTUALITA’. Trasporto merci, un’altra tegola sul settore

Il trasporto merci rischia di rimanere schiacciato dallo stop al recupero delle accise sul gasolio. L’allarme arriva da Confartigianato, che parla di mazzata finale su un settore già in grossa crisi.  “I danni che non sono riusciti a fare la crisi e il coronavirus li farà la scellerata scelta del governo di tagliare il rimborso delle accise sul gasolio usato per i mezzi di trasporto”, sostiene Confartigianato Metropolitana federazione Trasporti, davanti alla decisione del governo di eliminare le agevolazioni sulle accise per i veicoli industriali motorizzati euro 3 dal 1 ottobre, e dal prossimo gennaio per i veicoli euro 4. Le imprese che si occupano del trasporto merci nell’area veneziana, sono già passate dalle 22.000 di una decina di anni fa alle 800 attualmente operative.

SPORT. Covid, per la Reyer salta l’Eurocup

Salvo improbabili dietrofront, la Reyer non scenderà in campo al Taliercio per il turno infrasettimanale della 7Days Eurocup. Gli orogranata avrebbero dovuto affrontare i francesi del Bourg ed Bresse. Ma il club transalpino ha annunciato ieri sera, sul proprio sito, l’impossibilità a partire per l’Italia. Diversi giocatori sono risultati infatti positivi al tampone eseguito prima della partenza per la trasferta e, di conseguenza, per tutti è scattata la quarantena per sette giorni. La società francese, nell’impossibilità di schierare almeno 8 giocatori, ha deciso di sospendere la stessa partenza. Per la Reyer potrebbe profilarsi la vittoria a tavolino.


Condividi sui social