redazione@tgplus.it
TG+ EconomiaTG+ Economia - TrevisoTG+ Economia - Tutte le provinceTG+ Economia - Venezia

Tokyo in picchiata, il contagio spaventa i mercati – TG Plus ECONOMIA

955Views
Condividi sui social

Notizie 15 giugno – ECONOMIA

Borse. Tokyo in picchiata, il contagio spaventa i mercati

Giornata difficile per i listini di Borsa. Apertura tragica per Piazza Affari che perde quasi il 2% salvo riprendersi nel prosieguo di giornata. Rimbalza lo spread, inizialmente in vertiginosa risalita per poi tornare a quota 180. A dettare l’insicurezza sui mercati finanziari sono le notizie che arrivano dall’Oriente dove una nuova ondata di contagi da coronavirus sta riguardando la Cina: Tokyo infatti chiude a -3,5%.

Commercio. Ripartenza lenta, fatturati ancora dimezzati

Sarà una ripresa dai ritmi piuttosto lunghi e scanditi. Ad un mese dalle prime riaperture i dati raccolti da Confcommercio e da Fipe fotografano una ripartenza ancora difficile sia per la ristorazione che per le vendite al dettaglio. Sul fronte occupazionale solo il 30% delle posizioni ha recuperato tornando ai livelli pre-pandemia; moltissimi invece i casi di conferma di taglio dei posti di lavoro, pur permanendo la moratoria ai licenziamenti.

Iscriviti ora a TG+

Consumi. Carburanti giù, crolla anche l’inflazione

Il deciso taglio del costo del petrolio sta influendo sulla spesa quotidiana degli italiani. Non solo il pieno al distributore ha subito un netto rallentamento nei costi, con la verde che oggi si attesta a cifre inferiori di 20-30 centesimi al litro, ma anche i prezzi di altri beni si confermano in rallentamento. E’ la prima, vera frenata dall’ottobre 2016.

Finanza. Vola il debito pubblico, crollano le entrate

Un aprile difficilmente dimenticabile per la finanza di Stato. Secondo i dati raccolti da Banca d’Italia, gli effetti del Covid-19 sono evidenti sui conti pubblici: il debito sta per sforare quota 2500 miliardi mentre le entrate tributarie registrano un calo del 20%. Sul fronte dei bonus, in questi giorni INPS e casse private stanno liquidando la quota da 600 euro relativa proprio al mese di aprile.


Condividi sui social