redazione@tgplus.it
TG+ SportTG+ Sport - TrevisoTG+ Sport - Tutte le provinceTG+ Tredici

Torna il Giro del Belvedere – TG Plus Sport TREDICI

1.03KViews
Condividi sui social

Gianfranco Carlet organizzatore del Giro del Belvedere ci racconta come la classica del giorno di Pasquetta sia diventata una delle corse più prestigiose a livello mondiale.

Con il calendario che segna poco meno un mese all’appuntamento di Pasquetta, il Giro del Belvedere di lunedì 18 aprile ha sciolto le riserve svelando le squadre ai nastri di partenza della 83a edizione.

Dei 34 team annunciati al via della classica internazionale U23, 17 italiani e 17 stranieri con ben 14 Paesi rappresentati, 22 appartengono alla categoria UCI Continental. Prevista, per la prima volta nella storia del Giro del Belvedere, anche la partecipazione di una compagine UCI Professional, il Team Bardiani-CSF-Faizané.

Oltre alla formazione diretta da Bruno e Roberto Reverberi, che ha scelto di schierare gli atleti più giovani al via degli appuntamenti internazionali U23 in vista di un progressivo inserimento nelle gare professionistiche, l’Italia sarà rappresentata al Giro del Belvedere da squadre di prestigio assoluto. Vincitore nel 2021 con l’astro nascente del ciclismo mondiale Juan Ayuso, il Team Colpack proverà a lasciare il segno anche nella prossima edizione, così come la storica Zalf Euromobil Fior, il Team General Store Essegb F.lli Curia e il Team Qhubeka, quest’ultimo capace di lanciare nel 2019 l’ex Campione del Mondo U23 Samuele Battistella.

Parterre di qualità anche fra le squadre straniere, con numerose compagini giovanili dei Team UCI World Tour attese allo start: le compagini transalpine Ag2r Citroën U23 e l’Equipe Continental Groupama-FDJ capitanata dall’azzurro Lorenzo Germani, gli olandesi del Jumbo-Visma Development Team, la Israel Cycling Academy, i kazaki dell’Astana Qazaqstan Development Team e gli statunitensi della EF Education-NIPPO Development. Grande curiosità per il debutto a Villa di Villa dello Swiss Racing Academy, che sulla scia della tradizione elvetica nel fuoristrada propone un progetto all’insegna della multidisciplinarietà e dell’alternanza strada-MTB. Gli organizzatori della Pro Belvedere si riservano la possibilità di accogliere eventualmente una 35sima formazione.

Gli atleti che prenderanno parte all’83° Giro del Belvedere verranno messi alla prova da un percorso di 166,2 km. Dopo la partenza da Villa di Cordignano i ciclisti affronteranno per 14 volte il primo anello di poco meno di 10 km, con l’asperità delle “Conche” come possibile spartiacque, per poi entrare nel circuito finale di 17,3 km da ripetere due volte. Qui i riflettori saranno senza ombra di dubbio puntati sull’ascesa del Montaner dal versante di Borgo Canalet (pendenza media del 12% con punte del 20%) e sull’insidioso strappo di Via delle Longhe, ideale trampolino di lancio verso il traguardo e verso un futuro nel professionismo.


Condividi sui social