redazione@tgplus.it
TG+TG+ Venezia

Vigili del Fuoco, proclamato lo stato di agitazione. Fns Cisl Venezia: “Gravi le carenze di organico” – TG Plus NEWS Venezia

223Views
Condividi sui social

CRONACA. Vigili del Fuoco, proclamato lo stato di agitazione. Fns Cisl Venezia: “Gravi le carenze di organico”

Sono in stato di agitazione i vigili del fuoco di tutta Italia. Il segretario di Fns Cisl Venezia Lorenzo Zanon spiega: “Continuiamo ad avere i mezzi terrestri e acquei fuori servizio. Non solo, le due autopompe lagunari consegnate nel 2021, ora sono fuori garanzia: in pratica, le eventuali riparazioni sono a carico del comando. La carenza di personale è molto sentita, con il passare dei mesi sarà sempre peggio per via dei pensionamenti. Per questo, non solo sarebbe necessario partire con delle nuove assunzioni ma prevedere un altro concorso per Allievi vigili permanenti: quello attuale, da 300 posti, non sanerà la mancanza di addetti. Inoltre, la caserma di Mestre ha ormai trent’anni e li dimostra tutti, mentre ci sono altre sedi costruite addirittura nei primi anni Sessanta, come Chioggia, Mira, San Donà di Piave, Portogruaro. Invece bisogna investire sugli edifici”.

CRONACA. Controlli della Polizia Locale negli esercizi commerciali, 13.500 euro di sanzioni

L’ultima settimana ha visto una intensificazione dell’attività di controllo dei pubblici esercizi e degli esercizi commerciali da parte del Nucleo Polizia delle Attività Produttive. I controlli hanno interessato i Sestieri di Castello, San Polo e Cannaregio. A conclusione delle verifiche sono state emesse sanzioni amministrative per un importo superiore a 13.500 euro.   Per l’installazione di mezzi pubblicitari privi di autorizzazione, sono stati sanzioni 5 pubblici esercizi. Un’attività è stata sanzionata per aver ecceduto la superficie massima consentita per la vendita di souvenir, sanzionata un’attività ambulante per aver fruito dell’area di posteggio eccedendo la dimensione consentita.

ECONOMIA. Confesercenti: oltre 272,4 milioni la spesa degli stranieri a Venezia nel 2023

Cultura, natura e… buona tavola. La ripresa del turismo estero dà una spinta anche ai consumi nei pubblici esercizi. Nell’anno da poco concluso gli oltre 10 milioni di presenze straniere che hanno visitato la nostra città hanno speso un totale di oltre 272,4 milioni di euro, registrando un leggero calo del 6,7% in confronto con l’anno precedente. A stimarlo è Fiepet, l’associazione dei pubblici esercizi aderenti a Confesercenti, sulla base di elaborazioni su dati del CER e del Centro Studi Turistici. A trainare è l’aumento delle presenze estere, che in confronto con lo scorso anno hanno segnato una crescita del +7%, attestandosi in valori assoluti oltre i 10 milioni a Venezia.  Una crescita che porta la spesa dei turisti stranieri al 4% di quella complessiva sul territorio, recuperando interamente i livelli pre-Covid.

CRONACA. Chioggia, Palazzo Granaio, verrà riconsegnato alla città per l’estate 2024

Ancora qualche mese di lavori e poi Palazzo Granaio verrà riconsegnato alla città. Il progetto prevede un bookshop e la biglietteria all’ingresso Ovest per il pubblico al piano terra. Si accede poi al piano superiore tramite una scala metallica, ci sarà anche la piattaforma elevatrice per persone con disabilità. Da lì si accede alle 3 sale. Ci sono i servizi igienici, il Palazzo verrà dotato di impianto di riscaldamento e raffrescamento. Angelo Mancin, Assessore ai Lavori pubblici del Comune di Chioggia: “Andiamo verso il completamento dei lavori di uno dei simboli della nostra città. L’intenzione è di chiudere il cantiere in concomitanza con la Sagra del Pesce,  entro la fine del 2024”. Mauro Armelao, Sindaco di Chioggia: “Finalmente avremo una nuova sala espositiva che potrà ospitare importanti mostre ed eventi culturali anche di caratura internazionale, sulla scorta del successo appena avuto con la mostra The Mystery Man“.


Condividi sui social