redazione@tgplus.it
TG+TG+ Venezia

Violenza sulle donne: tre arresti nell’ultimo mese – TG Plus NEWS Venezia

820Views
Condividi sui social

CRONACA. Maltrattamenti in famiglia anche nei confronti delle figlie: due arresti

Proprio in coincidenza con la giornata internazionale del 25 novembre contro la violenza sulle donne, la Polizia di Stato, ed in particolare il Commissariato di P.S. di Mestre, ha ottenuto un confortante risultato nell’opera di prevenzione e repressione nel contrasto alla violenza di genere, con particolare riguardo alle violenze sia fisiche che psicologiche subite dalle donne. Un importante risultato è stato ottenuto nel mese appena trascorso dove, attraverso la sensibilità degli operatori di polizia e grazie anche al coraggio evidenziato dalle parti offese, è stato possibile trarre in arresto tre individui per il reato di maltrattamenti. I primi due arresti, avvenuti nei confronti di un cittadino turco del’64 e di un cittadino polacco  del’73, erano stati effettuati tra la fine del mese di ottobre ed i primi giorni di novembre. In entrambi i casi, a causa di reiterate segnalazioni alle forze dell’ordine di episodi di violenza subita da parte delle vittime per maltrattamenti in famiglia, rivolti in un caso anche nei confronti delle figlie, per i due uomini era stata emessa dall’Autorità Giudiziaria la misura di custodia cautelare.

CRONACA. Uscito dal carcere riprende a maltrattare la compagna: arrestato

L’ultimo arresto, il terzo in un mese, risale all’inizio di questa settimana, proprio alla vigilia del 25 novembre, quando gli agenti del Commissariato di Mestre hanno tratto in arresto e condotto in carcere un cittadino italiano del’68, residente a Mestre. L’uomo, uscito dal carcere da poco meno di due mesi per maltrattamenti nei confronti della ex compagna, dopo la scarcerazione ha immediatamente ripreso ad avere gli stessi comportamenti molesti e minacciosi nei confronti della vittima. Considerata l’indole violenta dell’uomo, gli agenti del Commissariato hanno ritenuto di dover continuare a monitorare la situazione mantenendo costantemente i contatti con la donna. Grazie a tale attività di prevenzione, gli operatori hanno subito intuito che la vittima si trovava nuovamente in forte pericolo, pertanto l’Autorità Giudiziaria ha ritenuto di dover disporre nuovamente la misura cautelare. Pertanto gli agenti, dopo aver rintracciato l’uomo, lo hanno tratto in arresto e ricondotto in carcere.

CRONACA. Denunciato pusher mentre spacciava in via Piave

Un pusher di 24 anni, di origine nigeriana, in Italia con regolare permesso di soggiorno, è stato denunciato dalla Polizia locale per spaccio di sostanze stupefacenti, ricevendo anche una sanzione amministrativa di 450 euro a norma del Regolamento di Polizia Urbana e l’ordine di allontanamento per 48 ore dalla zona dove è stato colto in fragrante, quella di via Piave a Mestre. Ad individuarlo, nella serata di mercoledì 24 novembre, è stato il personale del Nucleo operativo nel corso di un’operazione antidroga condotta nei pressi della stazione ferroviaria. Al momento del fermo l’uomo, senza precedenti, aveva appena ceduto sostanze stupefacenti a due distinti acquirenti. Uno di questi, un trentaseienne residente a Marghera, che si era allontanato in direzione della stazione, è stato a sua volta fermato dagli agenti e, dopo aver opposto una violenta resistenza agli operatori, ha consegnato una dose di cocaina che aveva appena acquistato. Denunciato a piede libero per resistenza e sanzionato anche lui a norma del Regolamento di Polizia Urbana per acquisto di stupefacenti sulla pubblica via e ubriachezza manifesta, ha ricevuto una multa di 650 euro e l’ordine di allontanamento dalla zona per 48 ore. Dall’inizio dell’anno sono 110 gli spacciatori arrestati o denunciati a piede libero dalla Polizia locale, la maggior parte in via Piave o nelle zone limitrofe.

CRONACA. Da domani mattina, per circa 7 ore, sarà attiva la torcia CB1 della società Altuglas

La società Altuglas (ex Arkema) comunica che domani, venerdì 26 novembre, dalle ore 7 circa verrà attivata la torcia CB1 della società Altuglas (ex Arkema), per l’avviamento programmato degli impianti AM7/8/9 dopo la fermata per manutenzione programmata. “Il gas inviato a combustione – sottolinea la società –  è una miscela di metano e ammoniaca la cui portata è ampiamente dentro la capacità di combustione della torcia”.  Si prevede che la torcia rimarrà attiva per circa 7 ore.


Condividi sui social