redazione@tgplus.it
TG+TG+ Venezia

42enne in carcere per ricettazione – TG Plus NEWS

1.18KViews
Condividi sui social

TG Plus NEWS Venezia – ed. sera 29 giugno

Cronaca. 42enne in carcere per ricettazione

Ieri la Squadra Volanti della Questura di Venezia ha portato a termine un’importante operazione di Polizia Giudiziaria che si è conclusa con l’arresto di un cittadino tunisino, già noto alle Forze dell’Ordine per i suoi precedenti giudiziari. Gli operatori si sono recati a Marghera, nei pressi di un complesso abbandonato, dove erano stati avvistati alcuni soggetti sospetti e  sono riusciti a bloccare uno dei tre, un tunisino di 42 anni con precedenti per droga e per resistenza a Pubblico Ufficiale. Sul posto anche i Vigili del Fuoco, nonché la Polizia Locale con i cani antidroga, grazie ai quali è stato possibile rinvenire 50 grammi circa di eroina; inoltre, sono stati trovati 8 telefoni cellulari, probabili proventi di furto. Tutto sequestrato. Accompagnato in Questura, dalla consultazione della banca dati emergeva che al 42enne corrispondevano diversi alias: e proprio ad alcune di queste false identità corrispondevano un Ordine di espulsione dal territorio nazionale emesso dal Questore di Venezia, nonché il ripristino di un Ordine di carcerazione, precedentemente sospeso, disposto dalla Corte d’Appello di Bologna e in virtù del quale dovrà scontare tre mesi di reclusione per il reato di ricettazione. Per tali motivi, informato il PM di turno dell’intera attività, il tunisino è stato tradotto in carcere.

Cronaca. Attenzione alle truffe sul web: le otto regole

Estate, tempo di vacanze, ma attenzione ai raggiri, specialmente sul web. Ecco perché Polizia Postale e delle Comunicazioni, Unione Nazionale Consumatori- e Subito rinnovano anche quest’anno la collaborazione e l’impegno verso i consumatori, offrendo un supporto concreto per scegliere la propria casa vacanza in sicurezza con poche e semplici regole da applicare in fase di ricerca e prenotazione dell’alloggio prescelto.  Ecco le otto regole: che le immagini siano realistiche, complete e non troppo patinate; l’immobile deve essere descritto in modo dettagliato;  contattare l’inserzionista, preferibilmente ad un telefono fisso; il prezzo non deve essere troppo basso ma in linea con la zona;  incontrare di persona l’inserzionista per una visita della casa e per consegnare l’importo dovuto; un’eventuale caparra non deve superare il 20% del totale; mai inviare documento di identità; pagare solo su  IBAN, riconducibile ad un conto corrente italiano, o tramite metodi di pagamento tracciato.

Attualità. Presentata oggi la manovra “Ripresa Venezia”

E’ stata presentata oggi nella Smart Control room del Tronchetto “Ripresa Venezia”, così ribattezzata   la manovra di assestamento di bilancio e verifica degli equilibri da oltre 130 milioni di euro. A illustrare la manovra sono stati il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, e l’assessore al Bilancio, Michele Zuin. Lo scopo è quello di rivedere quasi completamente il bilancio preventivo approvato nel dicembre del 2019 per poter fare fronte ai 110-115 milioni di minori entrate previste nel 2020, legate alla crisi innescata dal Coronavirus, e riguardanti ad esempio l’imposta di soggiorno, Ztl bus, proventi sanzioni amministrative e per violazioni al Codice della strada, entrate nette del Casinò e proventi sosta a pagamento. tutti i dettagli li potete trovare sul nostro sito notizieplus.it

Attualità. Al via la trebbiatura di grano nel veneziano

E’ partita in questi giorni la trebbiatura del grano nel Veneziano interessando più di mille aziende associate a Coldiretti con seimila ettari impegnati a grano tenero e un centinaio a grano duro. Quest’ultimo in netta crescita negli ultimi anni, tanto che con 16 mila ettari e 28 milioni di valore produzione, la pianura padana si candida a nuovo tavoliere d’Italia. Infatti i cambiamenti climatici hanno spostato alcune colture storiche del sud verso il nord – spiega Coldiretti Veneto. Ad incidere sulle performance del comparto la decisione di alcuni grandi marchi della pasta italiana che hanno scelto la filiera del Made in Italy 100% che lavora quantitativi di chicchi di provenienza certificata e a km zero rispondendo ad una richiesta dei consumatori di provenienza locale. La produzione di quest’anno, dopo i timori per la siccità ad aprile, sembra presentarsi in linea con la media delle stagioni passate – commenta Coldiretti Venezia – grazie alle piogge di maggio/giugno. Situazione rilevante per il triveneto, in controtendenza con i cali previsti su territorio nazionale fino al 20% dovuti al periodo siccitoso.


Condividi sui social