redazione@tgplus.it
TG+

Cortina 2026, “Ospitalità? Non è un problema” – TG Plus NEWS

837Views
Condividi sui social

Notizie 1 aprile – edizione sera

Sport. Cortina 2026, “Ospitalità? Non è un problema”

“Il Veneto non ha problemi di ospitalità alberghiera nè, tantomeno, problemi di tipo organizzativo. È la Regione più turistica d’Italia con 70 milioni di presenze e 16 miliardi di fatturato”. Con queste parole Luca Zaia ha rimandato al mittente le perplessità sollevate sui possibili problemi di ospitalità che paventerebbe l’organizzazione delle olimpiadi invernali 2026 per la città di Cortina d’Ampezzo. Nel dare il bevenuto alla commissione olimpica, il governatore ha dichiarato poi che di essere certo che il Veneto supererà a pieni voti gli esami del CIO.

Cronaca. Finto tecnico idrico deruba anziani

Si era qualificato come addetto dell’acquedotto incaricato di verificare la presenza di mercurio nell’acqua. E con questa motivazione era riuscito a raggirare due anziani dell’Astigiano, liberando un gas urticante e derubando i pensionati di denaro e preziosi. Ma alla fine i carabinieri sono riusciti ad identificare e fermare Stefano Levak, 34enne nomade originario della Marca che si era spostato in Piemonte per proseguire la sua carriera criminale. Fino all’arresto per truffa con rapina.

Attualità. Residenti contro la Treviso Marathon

Non a tutti è piaciuta la mattinata domenicale dedicata all’atletica leggera. Numerosi residenti in centro storico si sono lamentati nei social dei disagi provocati dalla chiusura entro mura, dichiarandosi prigionieri per ore di una manifestazione sportiva. Nel dettaglio non è piaciuta la decisione di non predisporre dei varchi di accesso ed uscita alla città, neppure per le emergenze, e la solerzia dei vigili urbani a multare le auto parcheggiata a gara sostanzialmente conclusa. Nel mirino dei contestatori non solo l’organizzazione dell’evento ma anche la giunta Conte

Atletica. Bis di Chumba alla Treviso Marathon

Seconda vittoria consecutiva per il kenyano Gilbert Chumba, l’ex idraulico che un anno fa aveva emozionato i trevigiani. Dopo il successo del 2018, stavolta il corridore africano si è imposto staccando al 34° chilometro il compagno di squadra Moses Mengich, chiudendo in 2 ore, 13 minuti e 10 secondi. Tra le donne, trionfo assoluto di Nancy Jelegat Meto capace di imporsi a dispetto di un calo del ritmo nel finale e con un record conclusivo di 2h36’22”.


Condividi sui social