redazione@tgplus.it
Senza categoria

Auto in fiamme sull’accordo dell’A27 e la statale 51 – TG Plus NEWS Treviso

796Views
Condividi sui social

CRONACA. Auto in fiamme, tragedia sfiorata

Tragedia sfiorata questa mattina tra l’autostrada A17 e la statale 51 all’altezza di Vittorio Veneto. Alle 8.45 circa, la squadra dei vigili del fuoco di Vittorio Veneto è intervenuta per un incendio su un’automobile sul raccordo A27 Vittorio Veneto Nord con la statale 51 di Alemagna dove un’auto ha preso fuoco. Provvidenziale per scongiurare la tragedia, la mossa dell’automobilista che mentre percorreva l’autostrada ha notato le fiamme dalla sua auto ed è riuscito ad uscire dalla A27 e parcheggiare in uno spiazzo sul raccordo.

CRONACA. Si è spento il gioielliere Dalla Riva

Sergio Dalla Riva non c’è più,  con lui se ne va anche un pezzo di storia di Montebelluna. Si è spento a 88 anni il titolare della gioielleria Dalla Riva in via 30 Aprile a Montebelluna. Ma Dalla Riva era molto noto in paese non solo per la sua attività ma anche per essere il socio fondatore del Cai montebellunese e il dirigente del Montebelluna Calcio. Lascia la moglie Marisa, le figlie Francesca e Lara e gli adorati nipoti. L’ultimo saluto sarà dato mercoledì in Duomo con una cerimonia intima.

SANITA’. Un nuovo centro Avis

È stata inaugurata l’Unità di raccolta Avis allestita nella sede dell’Istituto Bon Bozzolla di Farra di Soligo. Si tratta di un polo di raccolta nato per essere al servizio dei donatori del territorio del Quartier del Piave che fanno riferimento alle cinque unità di raccolta delle Avis Comunali di Falzé di Piave, Farra di Soligo, Miane, Pieve di Soligo e Refrontolo, Sernaglia della Battaglia. Ulteriori dettagli sul sito di NotiziePlus.it

SOCIALE. Abbracci in casa di riposo

Abbracci, realtà aumentata, e la possibilità di toccarsi le mani. Tutto questo è realtà nella casa di riposo Domenico Sartor di Castelfranco Veneto dove questa mattina è stato presentato l’innovativo progetto che permette il contatto in totale sicurezza tra ospiti e famigliari. Il contatto c’è ma attraverso delle pareti e del materiale plastico che permettono comunque di sentire il calore dei propri famigliari, di accarezzarli e di stringerli. All’interno della stanza creata ad hoc per l’occasione, anche un cubo interattivo dove gli ospiti possono vedere le immagini che gli ricordano casa. Nel pomeriggio sarà pubblicata sui nostri canali un’intervista esclusiva alla direttrice del centro. 

 

 


Condividi sui social