redazione@tgplus.it
TG+

Tg Plus 9 agosto ed. mattino

845Views
Condividi sui social

Il Governo taglia i fondi e Treviso perde 13 milioni.

Politica. Dopo Tav, Tap, vaccini, adesso l’esecutivo ha deciso di bloccare tutti i finanziamenti dati alle amministrazioni comunali dei capoluoghi d’Italia nell’ambito del “bando periferie”, oltre 2 miliardi di euro dispensati nel marzo scorso e che i comuni avevano già iniziato ad investire per opere pubbliche, riqualificazioni, interventi per sociale e anti degrado. Una stangata che colpisce anche Treviso, a cui il governo ha tagliato ben 13 milioni.  Nel provvedimento non si fa alcun riferimento a come verranno coperti nel 2020 i 2 miliardi di finanziamenti alle periferie che oggi il Governo ha indirizzato verso un altro fondo. Di qui la rabbia dei sindaci di tutt’Italia e dell’Anci.

Muore di parto al Ca’Foncello.

Sanità. Venerdì sera dà alla luce due gemellini, ma dopo il parto cesareo le prime complicanze. Ieri pomeriggio, dopo quattro giorni di coma, Maria Buso, 39 anni, è morta all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso. I primi dolori per Maria sono arrivati poche ore dopo il parto, poi il quadro clinico è precipitato rapidamente fino al coma.  I bambini stanno bene, le infermiere e il personale medico dell’ospedale di Treviso se ne stanno prendendo cura.

Rifiuti e bidoni abbandonati.

Cronaca. Rifiuti abbandonati e bidoncini dimenticati in strada: dal primo gennaio di quest’anno allo scorso 31 luglio il Consiglio di Bacino Priula, cui fa riferimento Contarina, ha erogato 236 sanzioni amministrative. Multe da 50 a 500 euro, la maggior parte per il mancato ritiro dei contenitori. Delle 236 sanzioni erogate nei 50 Comuni la stragrande maggioranza riguardano il mancato ritiro dei bidoncini dopo il conferimento. Sono state spedite ben 1.200 lettere di ammonimento dopo la prima infrazione. Un numero in costante crescita negli anni.

Stop vaccini obbligatori: a rischio migliaia di trapiantati.

Sanità. Il rinvio dell’obbligo vaccinale fa preoccupare i trevigiani immunodepressi e guardare con timore a questo slittamento. Un centinaio di cittadini con patologie rare, migliaia di pazienti che hanno subito trapianto e  non possono assumere il siero a causa delle scarse difese immunitarie dovute a malattie congenite, tumori. Una coppia del capoluogo ha fatto causa a una scuola del centro perché la loro bambina con deficit immunitario non è potuta andare in classe visto che due compagni non vaccinati hanno contratto una malattia infettiva. Il caso ha suscitato forti polemiche.


Condividi sui social