redazione@tgplus.it
TG+TG+ Venezia

Ulss 3, Contato: “Vaccinarsi è un diritto, ma ora anche un dovere” – TG Plus NEWS Venezia

1.07KViews
Condividi sui social

CRONACA.  Ulss 3, Contato: “Vaccinarsi è un diritto, ma ora anche un dovere”

Ieri giornata record: con le 7003 vaccinazioni registrate, l’Ulss 3 Serenissima ha sfondato anche il tetto dei Settemila. Nella giornata di oggi, e in tutti i giorni della prossima settimana, sono già previste più di 6000 vaccinazioni. Al PalaExpo si punta ogni giorno alle 2500 vaccinazioni. Perché è importante mantenere alta la tensione, e “correre” verso il completamento anche delle due fasce di età dei 60-69 anni e dei 70-79 anni? Lo spiega il Direttore Edgardo Contato nell’appello che manda alla popolazione: nessuno ha il diritto di “prendere tempo”, e il diritto alla vaccinazione è ora anche un dovere di vaccinarsi presto, per lasciar spazio alle generazioni successive, e per non perdere un solo giorno nel contrasto al virus.

CRONACA. COVID, 81 nuovi casi nel veneziano

Emergenza Coronavirus. Il bollettino di Azienda Zero di oggi, venerdì 30 aprile, dato riferito alle 17, registra rispetto alle 8  di oggi, 367 nuovi casi di contagio in Veneto, dei quali 81  in provincia di Venezia. In Regione il numero degli attualmente positivi è a quota  21.821  , dei quali 3.107 nel veneziano. Complessivamente, dall’inizio della pandemia sono stati registrati 412.266 contagi nel territorio regionale, 67.303 nella provincia veneziana. Situazione ricoveri:  sono attualmente 965 i pazienti positivi al covid in cura negli ospedali veneti, nelle aree non critiche,  153 nelle terapie intensive.

CRONACA. San Dona’, arrestato 22enne che nascondeva in ufficio 6,5 kg di marijuana

I Carabinieri di San Donà di Piave hanno  arrestato un italiano di 22 anni, residente in città, già noto alle forze dell’ordine, il quale è stato trovato in possesso di un borsone contenente un ingente quantitativo di droga. Il giovane,  ufficialmente agente di commercio, alle 8 di stamattina stava per entrare nel proprio ufficio, nel centro cittadino, subito dopo essere stato notato prelevare dal bagagliaio della propria autovettura un voluminoso sacco nero per immondizia. Alla vista dei militari ha manifestato segni di nervosismo il che ha portato i Carabinieri a procedere alla sua perquisizione. Il sacco conteneva “marijuana” del peso lordo complessivo di 6,3 kilogrammi mentre in una tasca della giacca sono state trovate due mazzette di denaro per 9.990 euro. Nel suo  ufficio sono stati trovati  quasi 2 etti di “marijuana”, 1 etto di “hashish”, quasi 7mila euro in contanti, oltre a bilance elettroniche di precisione, macchine professionali per sottovuoto e materiale vario per il confezionamento dello stupefacente. che, una volta immesso sul mercato al dettaglio, avrebbe fruttato circa 30mila euro. Tutto è stato sequestrato, il ragazzo è stato portato nel carcere di Santa Maria Maggiore di Venezia.

CRONACA. Mestre, in trasferta per lavoro, scoperto ad acquistare eroina: denunciato

In città per lavoro, in arrivo dal Lazio, si ferma in via Dante per acquistare droga e viene colto in flagranza dalla Polizia locale. Protagonista un uomo di 48 anni che ha ricevuto un Daspo di 48 ore dal rione Piave e il ritiro della patente per trenta giorni. I fatti sono avvenuti nel pomeriggio di ieri, giovedì 29 aprile, durante un’attività del Nucleo operativo in borghese a Mestre. Fermato anche il pusher, già noto perché coinvolto in altri due episodi di spaccio negli ultimi due mesi: è stato denunciato e gli è stata contestata una sanzione amministrativa. Intorno alle 15 gli agenti, in borghese, stavano perlustrando l’area di via Dante quando hanno notato l’arrivo di un uomo, a bordo di un’auto nera, fermarsi e parlare con un giovane di 23 anni, straniero, già noto alle Forze dell’Ordine per episodi di spaccio. Dopo poche battute l’uomo consegnava, passandola dal finestrino dell’auto, una dose di stupefacente. Il 48enne è ripartito, ma gli agenti hanno subito fermato l’auto all’altezza di via Trento e hanno recuperato la droga che è risultata essere eroina “gialla”, per un valore di 20 euro. Al cliente, oltre al Daspo e al ritiro della patente, è stata inflitta anche una sanzione di 450 euro.

 


Condividi sui social