redazione@tgplus.it
TG+TG+ Treviso

Delitto a fiera, individuati i due presunti autori

494Views
Condividi sui social

CRONACA. Delitto a fiera, individuati i due presunti autori

Con una nota ufficiale oggi pomeriggio la Questura di Treviso ha segnalato di aver identificato gli autori del delitto avvenuto ieri sera tardi in Viale IV Novembre, dove Ragip Kolgeci, un 52enne di origine kosovara, è stato accoltellato a morte nel corso di una rissa che aveva tutto l’aspetto di un regolamento di conti tra bande, se non addirittura di una vera e propria spedizione punitiva. Contrariamente alle prime indiscrezioni emerse nella notte, i due presunti autori dell’assassinio non apparterebbero affatto ad una banda rumena, ma sarebbero anch’essi due kosovari, un cinquantenne e un trentaduenne: il primo, artigiano del cartongesso, è attualmente piantonato in ospedale a Oderzo, dove versa in condizioni critiche: l’uomo, con piccoli precedenti, si era presentato al pronto soccorso opitergino per evitare guai. Il killer più giovane, già coinvolto in un’inchiesta per omicidio stradale, è stato invece catturato a pochi passi da casa, nella zona di San Lazzaro. Ai due arrestati, incastrati anche grazie ad alcune inequivocabili riprese video della zona, sono stati sequestrati spranghe, coltelli e altri oggetti utilizzati nel brutale episodio di ieri sera. Entrambi devono rispondere di rissa aggravata e omicidio volontario.
Regolamento di conti a fiera: un uomo ucciso e diversi feriti gravi – Notizie Plus

CRONACA. 25mila euro di ammende alla titolare cinese di un’azienda tessile

All’esito di controllo congiunto operato dai Carabinieri della locale Stazione e da quelli del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Treviso, è stata deferita all’Autorità Giudiziaria la titolare di origini cinesi di un’azienda di confezionamento tessile di Nervesa. Qui sono stati identificati 8 lavoratori, connazionali dell’imprenditrice, regolari sul territorio nazionale. La donna è stata sanzionata per omessa pulizia luoghi di lavoro, mancanza di dispositivi di protezione individuale, mancata formazione generale dei lavoratori, mancanza corsi antincendio e primo soccorso; mancato adeguamento impianto elettrico. Nella circostanza sono state contestate ammende per complessivi circa 25.000 Euro.

CRONACA. Borso del grappa, due piloti di parapendio rimasti sospesi tra i rami di un pino

Alle 14.10 circa la Centrale del Suem di Treviso ha allertato il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa, per un pilota di parapendio rimasto sospeso con la vela tra i rami di un pino nero, a 10 metri dal suolo, a un centinaio di metri dal decollo dai Tappeti. Raggiunto da una squadra in località Casera Girotto, l’uomo, un 49enne tedesco che era illeso, è stato raggiunto con tecniche di tree climbing, assicurato e calato a terra. Mentre la squadra stava rientrando alla macchina, un’ora dopo, ha assistito alla caduta di una seconda vela appena decollata dai Tappeti. Anche in questo caso la pilota, una 27enne olandese, era illesa e sospesa a 7-8 metri dal suolo su un albero. Un soccorritore ha quindi risalito la pianta è la ha calata al suolo.

SANITA’. Nuovo aumento dei casi Covid nella Marca, quasi 10mila in isolamento

I trevigiani alle prese con il Covid sono arrivati a sfiorare quota 10mila. L’aumento di nuovi casi Covid nella nostra Provincia continua a salire. L’ultimo bollettino di Azienda Zero indica 1.128 nuovi positivi nella Marca nelle ultime 24 ore, per un totale di 9.765 trevigiani in isolamento, alle prese con il virus. Un dato in costante crescita, così come in tutta la regione che solo nella giornata di ieri ha registrato circa 6mila nuovi positivi. Ad oggi in Provincia di Treviso si registrano 750 casi ogni 100mila abitanti. In crescita, ma ancora contenuta, anche il numero dei ricoverati negli ospedali della Marca arrivato a 70 pazienti.

 

 

 

 

 


Condividi sui social