redazione@tgplus.it
TG+TG+ Venezia

La Guardia di Finanza confisca immobili per 400mila euro ad un pregiudicato – TG Plus NEWS Venezia

903Views
Condividi sui social

CRONACA. La Guardia di Finanza confisca immobili per 400mila euro ad un pregiudicato

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Venezia ha dato esecuzione ad un provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Venezia a seguito di indagini dirette dalla Procura della Repubblica di Venezia, con il quale è stata disposta la confisca di due immobili situati a Mestre per un valore stimato in 400 mila euro nei confronti di un cittadino cinese. Il provvedimento cristallizza e fa transitare a patrimonio dello Stato le proprietà immobiliari già oggetto di un “sequestro di prevenzione” disposto dal medesimo Tribunale ed eseguito nell’ottobre 2020 dai militari del G.I.C.O. (Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata) del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Venezia.
La predetta articolazione, che opera sotto la direzione della Procura Distrettuale Antimafia di Venezia, ha eseguito puntuali indagini patrimoniali nei confronti di un soggetto caratterizzato da numerosi precedenti penali (commercio di prodotti con segni falsi, vendita di prodotti industriali con segni mendaci, introduzione nello Stato di prodotti contraffatti e ricettazione), grazie alle quali è stato possibile evidenziare una palese
“sproporzione” tra i redditi dichiarati negli anni e i capitali impiegati per l’acquisizione dei cespiti.

CRONACA. La Guardia di Finanza sequestra 6.000 litri di alcolici messi in vendita senza licenza

La Guardia di finanza di Venezia ha sequestrato 6.000 litri di alcolici e superalcolici messi in vendita in esercizi pubblici di Jesolo in assenza di autorizzazione fiscale.
Nell’ambito dell’intensificazione dell’azione di controllo economico del territorio sul litorale durante la stagione estiva, i finanzieri della Tenenza di Jesolo hanno eseguito una serie di controlli in minimarket e negozi di vicinato delle zone centrali della cittadina, per verificare la regolarità delle licenze fiscali rilasciate dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e necessarie per la vendita di bevande alcoliche.
In 8 esercizi, che esponevano negli scaffali pronte per la vendita bottiglie di alcolici e superalcolici di provenienza nazionale ed estera, i controlli hanno permesso di accertare l’assenza della relativa autorizzazione.
È quindi scattato il sequestro amministrativo dei prodotti – più di 10.000 bottiglie per una quantità complessiva di 6.000 litri – e la segnalazione dei titolari delle attività agli uffici competenti per l’irrogazione della sanzione amministrativa che va da 500 euro a 3.000 euro. 2 di loro hanno già regolarizzato la loro posizione.

CRONACA. Abbandona sei sacchi di materiali edilizi lungo il Canale Navigabile: identificato e denunciato

Denunciato dalla Polizia Locale di San Donà di Piave per abbandono abusivo di rifiuti un imprenditore di Noventa di Piave, autore della fornitura e posa di rivestimento “a cappotto” di un nuovo edificio residenziale di San Donà di Piave. L’uomo, dopo aver concluso i lavori, si è disfatto dei materiali di scarto utilizzati per l’isolamento gettandoli lungo il canale navigabile di via Silos all’interno di 6 sacchi di plastica. Purtroppo per lui, insieme ai pezzi del “cappotto”, si è dimenticato i progetti di costruzione dell’immobile con i quali gli agenti sono facilmente risaliti allo studio di progettazione, alla ditta costruttrice e poi allo stesso impresario titolare di contratto di sub appalto. Lo stesso è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per l’abbandono di rifiuti, reato per il quale è prevista la pena dell’arresto da tre mesi a un anno o l’ammenda da duemilaseicento euro a ventiseimila euro.

CRONACA. L’”esplosione” in corso Silvio Trentin era un collaudo di pressione sulle condutture del gas

In risposta agli allarmismi lanciati in merito alla teorica esplosione di mercoledì pomeriggio nel cantiere della ZTL, l’Amministrazione Comunale precisa che il boato udito è la conseguenza del collaudo della messa in pressione della linea di media pressione del gas, di nuova realizzazione da parte di Serenissima Gas, titolare degli impianti. L’attività è stata svolta nel pieno rispetto delle procedure di sicurezza vigenti.


Condividi sui social