redazione@tgplus.it
TG+TG+ Treviso

Operaio morto asfissiato dalle vinacce: due condanne

122Views
Condividi sui social

CRONACA. Operaio morto asfissiato dalle vinacce: due condanne

È stato condannato a un anno e quattro mesi Angelo Nardini, presidente della nota azienda di grappa bassanese per la morte di Lorenzo Brisotto, avvenuta nello stabilimento di Monastier nel settembre del 2017 a causa delle esalazioni delle vinacce mentre lavorava all’interno di un silos. Stessa condanna per il direttore dello stabilimento dove avvenne la tragedia, Andrea Manzoli, 58 anni di Ala, mentre è stato assolto il responsabile della sicurezza Renato Mazzeracca, 63 anni di Bassano (difeso dall’avvocato Simone Guglielmin)

CRONACA. Cassazione sentenzia, autovelox in tangenziale resta attivo

La recente sentenza della Cassazione che ha portato all’annullamento di una multa risalente al 2021, inflitta dall’autovelox della Tangenziale di Treviso (sanzionato perchè sfrecciava a 97 km/h) rischia di portare all’annullamento di tutte le eventuali violazioni da qui in avanti. L’automobilista, assistito dall’avvocato trevigiano Fabio Capraro, appellandosi al fatto che il dispositivo fosse “approvato” e non “omologato”, si è visto dare ragione dal giudice di pace, dal tribunale e ora anche dagli Ermellini, dopo il ricorso presentato dal Comune con l’avvocato Antonello Coniglione. Chi dovesse far ricorso al giudice di pace, in base alla sentenza della Cassazione, potrebbe vedersi riconosciuto l’annullamento anche se anche questo aspetto non è una certezza. Ad ogni modo Ca’ Sugana rischia di vedersi azzerare gli introiti dalle multe imposte grazie al dispositivo, verbali che ammontano a circa 8 milioni di euro ogni anno. Il Comune, con una nota, ha per ora ha smentito che si possa arrivare ad uno spegnimento degli autovelox ma si attendono chiarimenti da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti.

CRONACA. Due incidenti sul lavoro (e due feriti) in poche ore a Carbonera

Due incidenti sul lavoro si sono verificati oggi, 19 aprile, nel giro di poche ore, a Carbonera. Un operaio classe 1966, di origine colombianem per cause in corso di accertamento è precipitato dal tetto di una ditta in via Brigata Marche. Mentre un uomo classe 1957, di nazionalità italiana, impegnato nella potatura di un albero è stato travolto da un grosso ramo in via Grande nei pressi di Villa Maria. Sul posto sono intervenute le pattuglie dell’arma dei carabinieri e il personale dello Spisal. I due infortunati non sarebbero in pericolo di vita.

AMBIENTE. Installate nella Penisola del Paradise le nuove casette per le oche

Sono state presentate questa mattina le nuove casette per la nidificazione e la salvaguardia delle oche che vivono nella Penisola del Paradiso, lingua di terra situata nel fossato delle Mura di Treviso. I nuovi giacigli di legno, che possono ospitare fino a due nidi ciascuno, sono larghi un metro, alti 60 centimetri e profondi 60 centimetri. Tale accorgimento, realizzato in collaborazione con il Nucleo Tutela Animali della Polizia Locale, vuole proteggere le uova dei palmipedi dai corvidi presenti in zona, soprattutto cornacchie grigie e gazze ladre, che si nutrono delle loro uova. 


Condividi sui social