redazione@tgplus.it
TG+TG+ Venezia

Scende dall’auto e lo colpisce una saetta, grave – TG Plus NEWS Venezia

707Views
Condividi sui social

CRONACA. Scende dall’auto e una saetta lo colpisce

Colpito da una saetta appena sceso dall’auto. E’ incredibile l’incidente avvenuto ieri mattina, intorno alle 8,  a Vigonza, nel padovano. Vittima un 43 enne di Stra, fattorino per un’agenzia interinale che si occupa di consegne per l’e-commerce.  L’uomo si trova ricoverato in gravissime condizioni nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Padova. Secondo una prima ricostruzione, il 43 enne era arrivato con la sua auto nel parcheggio dell’azienda. Lì avrebbe preso il suo furgone per iniziare la giornata di consegne. Ma non ha fatto in tempo a scendere dalla sua Smart, che è stato centrato in pieno da una saetta. Alla scena hanno assistito attoniti alcuni colleghi di lavoro che hanno lanciato l’allarme. I componenti della squadra di prima partenza dei  vigili del fuoco di Padova hanno praticato la rianimazione cardiopolmonare, dandosi il cambio, fino all’arrivo del personale sanitario del Suem. L’uomo, dopo essere stato stabilizzato, è stato trasferito in codice rosso in ospedale.

ATTUALITA’. A Mestre la 54. Festa della Madonna del Don

Si è svolta ieri a Mestre la tradizionale manifestazione popolare alpina della “Festa della Madonna del Don”, la cui icona viene onorata nella chiesa dei Cappuccini di Mestre in ricordo di tutti i caduti delle Campagne di Russia.  Quest’anno, a causa delle restrizioni anti Covid-19, la manifestazione ha dovuto fare a meno dell’alzabandiera in piazza Ferretto e della deposizione delle corone d’alloro in corrispondenza delle lapidi ai Caduti davanti al Municipio di via Palazzo a Mestre. Il clou delle celebrazioni è stata la Messa celebrata nella chiesa di San Carlo dei  Cappuccini, seguita dall’accensione delle lampade votive che illuminano l’altare dedicato alla Madonna del Don grazie all’olio offerto dagli alpini delle sezioni A.N.A. di Novara e Venezia.

CULTURA. Prende il via la Biennale Danza

Si svolgerà da domani, 13 ottobre, al 25 ottobre il 14. Festival Internazionale di Danza Contemporanea diretto da Marie Chouinard, che completa il suo quadriennio di direzione al settore Danza della Biennale di Venezia. Due settimane di spettacoli con 19 coreografi autori di 23 titoli (7 in prima assoluta e 4 in prima nazionale), ma anche incontri e film che si snoderanno lungo il percorso dell’Arsenale – Teatro Piccolo Arsenale, Sale d’Armi, Teatro alle Tese e Tese dei Soppalchi – per arrivare a Ca’ Giustinian, sede centrale della Biennale di Venezia. Sarà Más distinguidas, seconda serie dei Piezas distinguidas firmati da La Ribot, a inaugurare il Festival domani al Teatro alle Tese (ore 20), sostituendo la serie antologica Panoramix, sempre ideata e interpretata da La Ribot, originariamente in programma.

SPORT. Reyer, che tonfo in casa con Pesaro

Inaspettato quanto sonoro tonfo casalingo della Reyer Venezia, battuta 90-72 dalla Carpegna Pesaro, arrivata al Taliercio ancora a quota zero. Parlare di crisi è prematuro, ma sicuramente suona un piccolo campanello d’allarme per gli orogranata, visto che già nei giorni scorsi avevano rimediato un meno 22 a Belgrado in Eurocup. Non conosce sosta invece il cammino dell’Umana Reyer femminile, che conquista il terzo successo di fila. Schiantata Campobasso: in terra molisana è finita 114-76. Nel campionato di Serie D di calcio vola il Mestre, che batte 1-0 in casa il Delta, rigore di Fasolo, e compie un importante balzo in avanti in classifica. Si fa fermare sul pari l’Union Clodiense: finisce 2-2 con l’Este, con i padovani che completano la rimonta in pieno recupero. In Eccellenza vola lo Spinea che batte 1-0 l’Union Pro.  Primo successo stagionale per la Robeganese che rifila due reti allo Scardovari. Si fa impallinare in casa, invece, il Sandonà, battuto 1-2 dall’Opitergina. Sconfitta casalinga anche per il Real Martellago, che incassa due gol dall’Istrana. Infine, nel derby veneziano, il Portogruaro sbanca in zona Cesarini il campo della Calvi Noale con una rete di Maccan.


Condividi sui social