redazione@tgplus.it
TG+TG+ Venezia

Scoperto mentre rubava cavi in rame: arrestato – TG Plus NEWS Venezia

167Views
Condividi sui social

CRONACA. Scoperto mentre rubava cavi in rame: arrestato

Venerdì 12 aprile i Carabinieri di San Donà di Piave sono intervenuti presso un’azienda, sita nella zona industriale della città, a seguito di segnalazione di un furto in atto. I militari, giunti tempestivamente sul posto, hanno sorpreso un 44enne del luogo il quale, dopo aver praticato un foro nella rete metallica della recinzione della ditta, aveva asportato vari cavi elettrici in rame sfilandoli dalle canaline dell’impianto di alimentazione. Circa 3 quintali di materiale era stato già “caricato” dall’odierno indagato, sulla propria autovettura, al cui interno i Carabinieri hanno rinvenuto altresì vari attrezzi atti allo scasso.  Il veicolo,  la refurtiva (del valore stimato di circa 1.200 euro) e i vari arnesi sono stati posti sotto sequestro, mentre l’uomo è stato arrestato per furto aggravato. Il 13 aprile, dopo la convalida dell’arresto ed in attesa dell’udienza del giudizio per direttissima, è stato sottoposto all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

ECONOMIA. CGIA Mestre: “Il Modello 730 conta ancora 152 pagine di istruzioni”

Nulla a che vedere con quanto accadeva qualche decennio fa, quando il “modello 730” fu definito addirittura “lunare”. Da più di qualche anno, fortunatamente, non è più così. Un lavoratore dipendente o un pensionato che voglia recuperare le spese mediche, scolastiche, sportive, universitarie, etc., può farlo in piena autonomia, senza ricorrere a un Centro di Assistenza Fiscale (CAF). Tuttavia per non incorrere in errori e in un mancato rimborso economico, prima di accendere il computer e collegarsi al sito dell’Agenzia delle Entrate è necessario che si studi bene le istruzioni che quest’anno ammontano a 152 pagine, otto in più rispetto alla stessa edizione del 2023. E’ bene che lo faccia sia per controllare la correttezza delle detrazioni/deduzioni inserite dall’Amministrazione finanziaria nel proprio “modello on line” sia per l’eventuale integrazione delle voci mancanti. A dirlo è l’Ufficio studi della CGIA di Mestre.

CULTURA. Inaugurato il Padiglione Venezia ai Giardini della Biennale

E’ stato inaugurato ieri pomeriggio, ai Giardini della Biennale, il Padiglione Venezia in occasione della 60^ Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale. “Sestante Domestico” è il titolo dell’esposizione, un percorso che vuole essere l’esplorazione di una condizione non geografica, non di lingua, non sociale ma affettiva attraverso un alternarsi di poesia e pittura. I versi del poeta, scrittore e regista italiano Franco Arminio aprono il percorso, accompagnando il visitatore direttamente al cuore del tema: la poesia, “intesa come preghiera per ritrovarci assieme nella casa del mondo, un mondo brutalizzato dall’assenza del divino, del mito, del simbolico”, ha spiegato Arminio. Il centro del percorso è l’installazione “L’immagine del Mondo”, frutto del progetto dell’artista contemporaneo Pietro Ruffo che si ispira all’atmosfera della Biblioteca Marciana. L’installazione è composta da due grandi globi e un’imponente libreria.

CRONACA. Lunedì 22 al via i lavori sul percorso ciclopedonale a Noventa di Piave

La Città metropolitana comunica che da lunedì 22 aprile inizierà l’intervento prevede il completamento del percorso ciclopedonale lungo il tratto di via Roma, lungo la Strada Provinciale 83, di competenza della Città Metropolitana nel Comune di Noventa di Piave. Un primo tratto di pista è già stato realizzato dall’Amministrazione Comunale. 120 i giorni di cantiere previsti per la consegna dei lavori che dovrebbero avvenire dopo Ferragosto, 820mila euro l’importo dei lavori.  Un ulteriore passo in avanti che consentirà un utilizzo più agevole e in sicurezza da residenti e cicloamatori e per incrementare, quindi, la mobilità sostenibile. La ciclabile si colloca sul lato destro di via Roma lungo la percorrenza che dalla Strada provinciale raggiunge il confine con il comune di San Donà di Piave. Più precisamente si sviluppa dalla rotatoria di via Ca’ Memo per completarsi in prossimità di via Marmolada  dove si trova l’impianto semaforico.


Condividi sui social