redazione@tgplus.it
TG+ Sport

Social Tg + Sport 13 marzo

1.37KViews
Condividi sui social

Moreno Marchetti e tre. Il corridore padovano della Hopplà Petroli Firenze ha vinto a Pianzano il classico circuiti, in volata. Cento chilometri corsi sotto una pioggia battente ma uno sprint da manuale per quello che è considerato uno tra i migliori giovani velocisti in Italia. In contemporanea si è corsa in Versilia la cronometro a squadre vinta dal Team  Colpack. A Belricetto in Romagna secondo successo per il velocista veronese Gianmarco Begnoni. Ma intanto oggi termina la  Tirreno – Adriatico, ovvero la corsa dei Due Mari. Una corsa purtroppo segnata da cadute anche gravi, come quella di Danny Moreno,  causate da buche, cartelli stradali posizionati in posti non appropriati o non protetti e non segnalati. E diciamolo, con un bagaglio di scarsa sicurezza. Del resto fra Toscana, Umbria e Marche le strade e i luoghi non godono della massima sicurezza che si richiederebbe sulle strade. Ma la Tirreno Adriatico ha fatto segnare anche il ritorno di Marcel Kittel alla vittoria. Quel Marcel Kittel e che qualche detrattore aveva dato fuori forma. E che invece ha dimostrato ancora una volta di essere il velocista numero uno al mondo.  Con la tappa vinta a Fano Marcel Kittel è tornato, ma si è pure rivisto rivisto anche il vero Peter Sagan. Adrenalina pura che scorre a fiumi negli ultimi chilometri della sesta tappa della Tirreno-Adriatico con la Quick Step che prende in mano la situazione ad oltre 20 dal traguardo e poi nel finale Fernando Gaviria che commette un errore, tocca la ruota di Richeze e causa una caduta nella parte anteriore del gruppo. E quindi Gaviria sarà costretto a saltare la Milano – Sanremo. Nella tappa della domenica con arrivo a Filottrano intanto Adam Yates ha onorato con la sua vittoria il compianto Michele Scarponi, scomparso improvvisamente il 22 aprile del 2017, ucciso da un furgoncino che gli ha tagliato la strada. Un abbraccio da parte della Filottrano di Michele Scarponi a Adam Yates e a tutta la Tirreno Adriatico.


Condividi sui social