redazione@tgplus.it
TG+

Mario Conte portavoce dei sindaci col Governo – TG Plus NEWS

1.11KViews
Condividi sui social

Notizie 28 aprile – ed. pomeriggio

Attualità. Mario Conte portavoce dei sindaci col Governo

Un summit a due per parlare delle necessità del territorio in rapporto alla Fase 2 dell’emergenza sanitaria: è questa la richiesta partita dal primo cittadino di Treviso verso Palazzo Chigi. In qualità di presidente di ANCI Veneto Mario Conte è stato investito di un formale mandato da parte dei sindaci dei capoluoghi di provincia della nostra Regione e chiederà risposte chiare per diverse tematiche, dalla riapertura delle scuole alle situazioni economiche.

Attualità. Pandemia, i guariti superano i positivi

Ottime notizie sul fronte sanitario. Secondo Azienda Zero nella nostra provincia il numero dei pazienti guariti ha superato quello dei soggetti positivi al test del tampone. Aumentano anche le dimissioni ospedaliere, che sfiorano quota 596. Calano costantemente ormai da settimane anche i soggetti in isolamento domiciliare volontario mentre è stabile la situazione nelle Terapie Intensive.

Iscriviti ora a TG+

 

Cronaca. Tossicodipendente minaccia infermiera

Momenti di paura ieri pomeriggio al Pronto Soccorso del Ca’ Foncello di Treviso. Un uomo di 37 anni con noti problemi di tossicodipendenza ed in crisi d’astinenza ha estratto un coltello per minacciare un’infermiera al fine di ottenere una dose di metadone. Il rapido intervento di una pattuglia della Polizia ha evitato il peggio: dopo un passaggio in Questura, il soggetto è stato riportato in ospedale dove è attualmente piantonato.

Attualità. “Scuole chiuse ma sale slot riaperte: vergogna”

Un grido di sdegno si leva dai sindaci della Marca nei confronti del Governo. A fronte della conferma della chiusura fino a settembre degli istituti scolastici, non è sfuggita agli amministratori locali la norma che decreta il graduale ripristino della attività di gioco, dalle sale slot ai casinò. “Inaccettabile e vergognoso – dice Mariarosa Barazza – L’emergenza è ovunque, non si può incentivare l’azzardo”.


Condividi sui social