TG+

Marocchino semina il panico in centro – TG Plus NEWS

664Views
Condividi sui social

Notizie 21 giugno – ed. mattina

 

Cronaca. Marocchino scatena il panico

Un mercoledì pomeriggio di paura, quello inscenato da un 26enne marocchino. Lo straniero, in preda ai fiumi dell’alcol, nel breve volgere di qualche ora ha seminato il panico in città. Prima ha danneggiato dei veicoli in zona stazione; poi, portato al comando dei carabinieri per l’identificazione e liberato, ha tentato di scippare una donna al bar di piazza S. Vito; infine, ha punto un militare intervenuto per arrestarlo con una siringa. Lo straniero è stato quindi portato in carcere mentre il carabiniere ferito dovrà sottoporsi a profilassi.

Cronaca. Lite famigliare degenera, 45enne arrestata

Ancora un episodio di violenza domestica, con l’alcol sullo sfondo. L’abuso di sostanze alcoliche ha infatti trasformato una 45enne trevigiana in una persona violenta, al punto di sfogare per anni le proprie frustrazioni contro l’anziana madre, arrivando ad aggredirla fisicamente. La genitrice alla fine ha deciso di porre fine all’incubo denunciando la figlia che ora è finita alla sbarra per maltrattamenti e lesioni aggravate.

Cronaca. Fuga di gas, scuola evacuata

Momenti di panico ieri pomeriggio in un istituto scolastico di Oderzo, precisamente la materna di via Comunale da Camino. Il personale d’istituto ha avvertito l’odore inconfondibile del gas e ha chiamato il centralino dei vigili del fuoco che sono accorsi prontamente sul luogo, assieme ai tecnici del gas. Ordinata l’evacuazione di bimbi e personale, la perdita è stata rintracciata in breve e riparata.

Economia. Electrolux, trattativa conclusa

Soddisfazione da ambo le parti, proprietà e sindacati, per il nuovo accordo relativo all’impianto produttivo di Susegana. L’azienda investirà 130 milioni di eruo per migliorare ed ampliare il polo industriale mentre è stato definito un nuovo orario di lavoro con tre turni di sei ore. I lavoratori si riuniranno in assemblea il prossimo 2 luglio per ratificare l’accordo.


Condividi sui social