redazione@tgplus.it
TG+ Sport

Muore in gara. Ora la sicurezza prima di tutto. TG Plus SPORT 19 marzo

856Views
Condividi sui social

Notizie TG Plus SPORT 19 marzo

La sicurezza in bici sulle strade prima di tutto

 

Un furgone che investe in gara in Belgio un under23 di 19 anni. E un’altra tragedia scuote il Belgio e tutto il mondo del ciclismo. Stefan Loos, dilettante, ha perso la vita a causa di un incidente avvenuto durante il Grand Prix Alfred Gadenne a Dottignies. L’incidente è avvenuto ad una rotonda evidentemente mal segnalata, visto che un gruppetto di corridori ha preso la direzione sbagliata. Qui, a traffico aperto, tre di loro sono stati investiti da un furgone. Le condizioni di Loos sono apparse subito molto serie, il ragazzo è stato immediatamente soccorso e ricoverato in ospedale, ma nella notte ha cessato di vivere, come ha annunciato  la sua squadra, la Acrog. Gli altri due corridori coinvolti nell’incidente,  hanno riportato ferite più lievi e non sono in pericolo di vita. Naturalmente è ancora in corso l’inchiesta della Polizia Stradale per accertare l’esatta dinamica dei fatti. Insomma la sicurezza in gara, ma anche fuori gara, in allenamento o anche per ci si reca al lavoro in bicicletta, sta diventando sempre più questione di sopravvivenza. Tanto sta facendo il mondo del ciclismo a livello mondiale ma soprattutto in Italia, per chi si sposta in bicicletta. Dal metro e mezzo di distanza ai corsi nelle scuole. E poi accade che in gara, alla Tirreno Adriatico, nel mondo dei professionisti, Michael Bresciani, corridore della Bardiani, ex Zalf, si veda piombare addosso, in salita la moto della Rai per le riprese. E non dev’essere divertente, quando sei al massimo dello sforzo, vderti cadere addosso una moto. E’ accaduto sul muro di Recanati, Luca Pacioni mette piede a terra e fatica a ripartire, arriva Michael Bresciani che si trova la strada bloccata ed è costretto a fermarsi – ovviamente in precarie condizioni di equilibrio – e infine ecco una moto del seguito che si ferma, si sbilancia e cade sulla sua sinistra, proprio addosso al corridore della Bardiani Csf. Tutti ripartiti, alla fine, ma il brivido di paura è stato davvero lungo… E sempre più la sicurezza diventa materia…di sicurezza

 


Condividi sui social