redazione@tgplus.it
TG+TG+ Venezia

“Basta morti sul lavoro”, in oltre 50 dalla Cisl di Venezia a Roma – TG Plus NEWS Venezia

191Views
Condividi sui social

CRONACA.  “Basta morti sul lavoro”, in oltre 50 dalla Cisl di Venezia a Roma

“Basta morti sul lavoro”. La Cisl di Venezia si unisce al forte messaggio lanciato dal palco del PalaTiziano a Roma durante l’Assemblea nazionale “Salute e sicurezza” tenutasi questa mattina. Un invito chiaro, quello del Segretario nazionale Luigi Sbarra, dove ha chiesto che “Politica, istituzioni, sistema delle imprese e organizzazioni sindacali debbano remare insieme nella stessa direzione, per costruire una grande strategia nazionale che ponga fine a questa lunga scia di sangue”. Dalla provincia di Venezia a Roma sono arrivati in oltre 50 tra delegati, lavoratori e Rls (Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza) per questa mobilitazione che la Cisl ha avviato in tutta Italia. L’iniziativa nella capitale arrivava a pochi giorni da un’altra tragedia nei cantieri della provincia di Venezia, dopo che venerdì 5 aprile ha perso la vita un tecnico specializzato al Teatro Momo di Mestre.

ECONOMIA. CGIA Mestre: “Nei prossimi 10 anni oltre 45mila possibili lavoratori in meno”

Le previsioni evidenziano che entro i prossimi 10 anni la platea delle persone in età lavorativa (15-64 anni) presente in Italia è destinata a diminuire di 3 milioni di unità (-8,1 per cento). Di questi, nel veneziano 45.128, con una percentuale del -8,65 per cento in meno. Se all’inizio del 2024 questa coorte demografica includeva poco meno di 37,5 milioni di unità, nel 2034 la stessa è destinata a scendere rovinosamente, arrestandosi a poco meno di 34,5 milioni di persone. Le ragioni di questo crollo vanno ricercate nel progressivo invecchiamento della popolazione: con sempre meno giovani e con tanti baby boomer destinati a uscire dal mercato del lavoro per raggiunti limiti di età, molti territori subiranno un autentico “spopolamento”, anche di potenziali lavoratori. Lo sottolinea l’Ufficio studi della CGIA che ha elaborato le previsioni demografiche dell’Istat.

CRONACA. Lunedì al via il cantiere per completare il percorso ciclabile da Portegrandi a Ca’ Sabbioni

Lunedì prossimo 15 aprile prenderà il via il cantiere per il completamento del percorso ciclabile da Portegrandi a Ca’ Sabbioni che comprende i comuni di Quarto d’Altino, Marcon e Venezia. Lo informa la CIttà Metropolitana di Venezia.  Il Progetto si suddivide in due macro Interventi: il primo in cui sono previsti la realizzazione di percorsi ciclabili o il rifacimento degli stessi, nel caso in cui siano necessari dei miglioramenti dal punto di vista della sicurezza porterà alla realizzazione del collegamento da via Ponte Alto a via Litomarino e Cà Noghera mediante un intervento di permeabilità ciclabile su strada esistente. Nel secondo Macro Intervento il progetto introduce una pista ciclabile che collega i fiumi Dese e Zero. La consegna dei lavori è prevista dopo 150 giorni, quindi a metà settembre circa.

CRONACA. Comune di Venezia, giro di vite sui plateatici

Negli ultimi anni i controlli della polizia locale sui plateatici sono aumentati. Nel 2023 sono state elevate 835 sanzioni, secondo quanto disposto dal regolamento CUP sull’occupazione e la difformità dei plateatici. Già 111 in questi primi mesi del 2024.  Qualora venga accertata una seconda violazione (o recidiva) per occupazioni/installazioni abusive, connesse all’esercizio di attività commerciale o di somministrazione di alimenti e bevande, nei 5 anni successivi all’accertamento della prima violazione, viene disposta la sospensione per 3 giorni. I successivi accertamenti della medesima violazione nel corso dello stesso quinquennio, considerati ulteriori recidive, daranno luogo, anch’essi, al provvedimento di sospensione dell’attività.  Nel 2023 sono stati così chiusi 105 locali fra centro storico e isole.


Condividi sui social