redazione@tgplus.it
TG+

Bonus 600 euro, è caos nel sito INPS – TG Plus NEWS

1.69KViews
Condividi sui social

Notizie 1° aprile – ed. mattina

Economia. Bonus 600 euro, è caos INPS

E’ scattata alla mezzanotte di oggi la finestra per la presentazione agli enti previdenziali delle domande in autocertificazione per ottenere i bonus una tantum da 600 euro previsti dai decreti ministeriali per l’emergenza coronavirus. Ma sulla vicenda è caos: il sito dell’INPS poche ore prima dell’apertura delle iscrizioni ha infatti annunciato che si sarebbe data priorità all’ordine di presentazione delle domande; in seguito a diverse proteste però l’avviso è sparito senza ulteriori spiegazioni e generando ulteriori polemiche.

Attualità. Dal Viminale via libera alle passeggiate

Uscire di casa? Si può per accompagnare i figli oppure una persona disabile o un anziano che necessiti di fare un po’ di moto o di prendere una boccata d’aria. Questa la novità introdotta dal Viminale in merito alle deroghe all’obbligo di restare in casa per i cittadini. L’uscita dovrà comunque sempre essere motivata: esclusa infatti qualsiasi attività sportiva, dalla bicicletta al monopattino sino ai calci al pallone.

Attualità. Bollo auto, scadenza al 30 giugno

Importante novità per gli automobilisti veneti: le scadenze del bollo auto fissate per la primavera (8 marzo-31 maggio) sono tutte posticipate. La nuova deadline infatti è fissata al 30 giugno, con una proroga dunque di un mese. Nessun interesse di mora sarà applicato né sono previste sanzioni per chi finora non ha ottemperato all’obbligo di legge.

Attualità. Terzo caso di positività in Electrolux

Preoccupa la situazione dello stabilimento di Susegana del colosso degli elettrodomestici dopo che è stato riscontrato il terzo caso di positività all’interno della struttura – il secondo tra i dipendenti visto che il “paziente uno” è stato un manutentore esterno. Le rappresentanze sindacali unite hanno scritto al Ministro della Sanità per invocare provvedimenti urgenti tra cui il test del tampone per tutti i lavoratori.


Condividi sui social