redazione@tgplus.it
TG+TG+ Venezia

Coronavirus, nuova ordinanza di Zaia – TG Plus NEWS Venezia

1.01KViews
Condividi sui social

SANITA’. Coronavirus, nuova ordinanza di Zaia

Emergenza Coronavirus. Il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, nel consueto punto stampa nella sede della protezione civile di Marghera, ha illustrato la nuova ordinanza per il contenimento della diffusione del COVID-19 che sarà valida in Veneto da domani e fino al prossimo 3 dicembre. Le nuove disposizioni, sostanzialmente, confermano quelle presenti nell’ordinanza scaduta alla mezzanotte di ieri, con specifiche aggiuntive relative alle attività commerciali. Negli esercizi commerciali al dettaglio, per evitare assembramenti, si applicano queste disposizioni: fino ai 40 metri quadrati di superficie di vendita può entrare un cliente; fino a 250 metri quadrati 1 cliente ogni 20 metri quadrati; sopra ai 250 metri quadrati 1 cliente ogni 30 metri quadrati nelle eventuali code di attesa negli esercizi pubblici e commerciali, deve essere garantita la distanza interpersonale di almeno un metro, anche all’esterno (la responsabilità è del gestore; viene sempre fortemente raccomandata la vendita con consegna a domicilio, inoltre tutte le attività restano chiuse la domenica.

CRONACA. Scorzè, Spinea e Mirano: quattro persone arrestate

I carabinieri della Compagnia di Mestre, nell’ambito dei servizi straordinari di controllo del territorio protesi al contrasto dei reati contro il patrimonio, hanno dato esecuzione a provvedimenti restrittivi nei confronti di quattro pregiudicati. in particolare: in un bed and breakfast di Scorzè hanno rintracciato un cittadino albanese pregiudicato, classe 87, colpito da un provvedimento di cattura emesso dall’autorità giudiziaria di Milano. L’uomo è stato portato nel carcere di Venezia dove dovrà scontare una pena detentiva di oltre un anno e mezzo per i reati di furto aggravato in concorso commesso nell’anno 2015 in provincia di Varese. A Spinea è stato arrestato un cittadino rumeno, classe 78, pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico per reati in materia di spaccio di sostanze stupefacenti. Anch’egli è stato nel carcere di Venezia dove  dovrà scontare una pena di 6 anni per reati in materia di stupefacenti commesso a Venezia nel 2018. a Mirano manette ai polsi per un cittadino italiano, classe 60, pregiudicato per i reati di percosse, minaccia grave, violenza privata commesse nel 2019 e truffa e ricettazione commesse nel 2011 e 2013, è stato sottoposto alla detenzione domiciliare nella sua abitazione a Mirano. Sempre a Mirano arresto per un cittadino serbo, classe 85, pregiudicato, reo di furto aggravato in concorso, commesso a Padova nel 2016. L’uomo dovrà scontare una pena di oltre 5 mesi in detenzione domiciliare.

CRONACA. Mestre, arrestato cittadino serbo con documenti falsi

La squadra volanti ieri pomeriggio ha arrestato in flagranza di reato un uomo che era in possesso di una carta d’identità croata falsa. Alle ore 14.30 circa i poliziotti della squadra volanti hanno effettuato un controllo su un Audi A4 nera con targa straniera che si trovava in via Gozzi a Mestre. Su richiesta degli agenti il conducente ha fornito una patente di guida e una carta d’identità croata che allo sguardo esperto dei poliziotti è subito sembrata falsa. Interpellato sull’argomento, il soggetto ha ammesso la falsità dei documenti dichiarando di essere cittadino serbo. La falsità dei documenti è stata confermata anche dai successivi accertamenti tecnici. L’individuo è stato pertanto tratto in arresto come previsto dalla normativa antiterrorismo, i documenti sono stati posti sotto sequestro ed il mezzo in fermo amministrativo. Questa mattina si è svolto il processo per direttissima che ha portato alla condanna ad un anno di reclusione pena sospesa.

CRONACA. Uomo violento allontanato da casa per maltrattamenti all’ex compagna

I Carabinieri della Stazione di Martellago hanno dato esecuzione alla misura cautelare dell’allontanamento della casa familiare nei confronti di un individuo di Martellago per i maltrattamenti ripetuti nei confronti della ex compagna, la quale ha denunciato di aver subito per oltre 4 anni vessazioni di ogni tipo, soprattutto verbali e psicologiche. L’ultimo episodio, solo in ordine di tempo, è stato un’aggressione fisica violenta da parte dell’individuo, che fino a un mese fa è stato il suo compagno per oltre 4 anni nonché padre della loro bambina, in presenza della quale, spesso, l’uomo commetteva le violenze. Questa purtroppo è una della tante storie di violenza contro le donne, e ricordiamo che proprio domani ricorre la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. E Grazie alla collaborazione avviata già nel 2015 tra l’Arma dei Carabinieri e Soroptimist International d’Italia,  che sono sempre di più le caserme dei carabinieri dotate di “una stanza tutta per sé”, un ambiente che sostiene la donna nel delicato momento della denuncia di violenza. Presso il Comando Provinciale Carabinieri di Venezia sono presenti 3 stanze, dislocate presso le sedi della Compagnie Carabinieri di Venezia, Mestre e San Donà di Piave.

 


Condividi sui social