redazione@tgplus.it
TG+ Cultura

Ecco il Festival della Statistica – TG Plus CULTURA

1.93KViews
Condividi sui social

A Treviso torna in scena la quinta edizione di StatisticAll, l’unico festival europeo della Statistica e Demografia, a Treviso da venerdì 20 settembre a domenica 22 settembre, promosso dall’Istituto Nazionale di Statistica (Istat),dalla Società italiana di statistica (Sis) e dalla Società statistica Corrado Gini e dal Comune di Treviso.
Rina Camporese dell’ufficio comunicazione dell’Istat ha annunciato la presenza di Gian Carlo Blangiardo sia alla apertura di venerdì 20 settembre alle ore 9:30 in Aula Magna dell’Università che poco dopo per la presentazione del Rapporto annuale dell’Istat.

Stefano Campostrini di Ca’ Foscari e Eugenio Brentari dell’università di Brescia e direttore di StatisticAll hanno
illustrato l’intero programma, strutturato per temi, per luoghi, per generi quali conferenze, talk, speech, musica
dalla classica al jazz, reading teatrali, mostre e appuntamenti di teatro in strada.
«Dopo gli ottimi riscontri dell’edizione 2018 abbiamo voluto che questo festival diventasse un appuntamento fisso nel calendario degli eventi», afferma l’assessore ai Beni Culturali e Turismo del Comune di Treviso Lavinia
Colonna Preti. «In un mondo in cui dati, statistiche e numeri rappresentano immagini nitide della società, è
importantissimo capirne il vero significato e le modalità di interpretazione con il contributo dei massimi esperti del settore. Ecco perché consideriamo il Festival della Statistica una risorsa per la città di Treviso, che va sostenuta e promossa».

IL PROGRAMMA PER TEMI (PRINCIPALI)
• “Il futuro… della società”
venerdì 20 settembre alle 12, nell’Aula Magna dell’università, è prevista la presentazione del “Rapporto
Annuale Istat 2019” con Gian Carlo Blangiardo, presidente dell’Istat, e Francesco Gallo dell’Istat che
discutono con Giancarlo Corò dell’università Ca’ Foscari e con Silvia Oliva della Fondazione NordEst.
venerdì 20 settembre alle 18.30, a Palazzo Rinaldi Luca Attias (commissario straordinario all’Agenda
Digiale) presenterà lo speech “La consapevolezza digitale di una società inclusiva”.
sabato 21 settembre alle 11.30 a Palazzo dei Trecento “Il contributo della demografia alla crescita
economica”: intervista di Davide Colombo del Sole 24Ore al presidente Istat Gian Carlo Blangiardo.
sabato 21 settembre alle 15 a Palazzo dei Trecento: Massimo Fedeli (Istat) con Monica Scannapieco (Istat),
Paolo Bouquet (Università di Trento), Regina Casonato (Gartner), Marco Bagalini (Angelini) e Carlo
Filippucci (Università di Bologna) si confronteranno su “Big Data. L’oro del Terzo Millennio”.
• “Il Futuro… del Lavoro“
venerdì 21settembre alle ore 11, Collegio Pio X: speech di Luca Del Monte dell’ESA, European Space
Agency, dal titolo “I dati della new space economy per affrontare le sfide del Futuro”.
• Il Futuro… del Pianeta”
venerdì 20 settembre alle 16, Palazzo dei Trecento, si terrà lo speech “Misurare lo sviluppo sostenibile
per cambiare il mondo” di Enrico Giovannini, portavoce di ASviS (Allenaza Italiana per lo Sviluppo
Sostenibile), economista e docente universitario.

2

sabato 21 settembre alle 17.00, a Palazzo Rinaldi, ci sarà lo speech “Dati e possibili disastri naturali” di
Roberto Giovanni Marino, capo dipartimento Casa Italia – Presidenza del Consiglio dei Ministri.
domenica 22 settembre alle 15 a Palazzo dei Trecento ci si interrogherà su “Che clima sarà” nel talk
moderato da Rossella Cerulli (Bell’Italia, già in redazione di Uno Mattina e collaboratrice di Linea Verde)
con la partecipazione di Paola Mercogliano (Fondazione CMCC-Centro Euro Mediterraneo sui
Cambiamenti Climatici), Giovanna Tagliacozzo (Istat) e Daniele Mocio (Aereonautica Militare: il volto
noto delle previsioni meteo Rai).
• “Il Futuro… della Statistica”
venerdì 20 settembre alle 11 in Auditorium Collegio Pio X è in programma lo speech di Ron Kenett
(Technion – Israel Institute of Technology) “Statistica e Data Science: trasformare dati in
informazioni”.
sabato 21 settembre alle 9.30 in Camera di Commercio: “30 anni di Sistan. Misurare il presente,
ripensare il futuro”, talk con Vincenzo Lo Moro (Istat), Marco Trentini, Paolo D’Andrea, Gianluca
Dominutti.
sabato 21 settembre alle 12 a Palazzo dei Trecento, Monica Pratesi (presidente SIS, ordinaria di statistica
Univ. Pisa) coordinerà il talk con Giorgio Alleva (Sapienza Università di Roma) e Andrea Iacona
(Università di Torino) su “Il pensiero a confronto con l’incertezza della misura”.
domenica 22 settembre alle 10 a Palazzo dei Trecento ci sarà il talk “Women in statistics and data Science.
Donne e innovazione” con Fabrizia Mealli (Università degli studi di Firenze), Anna Maria Paganoni
(Politecnico di Milano) e Vittoria Buratta (Istat).
• "Il Futuro… dell’economia”
venerdì 20 settembre, ore 12.00, Palazzo dei Trecento: Ugo Biggeri (Banca Etica), “Finanza etica: i
numeri da cercare perché non sia un’utopia”.
venerdì 20 settembre, 15.00 Palazzo dei Trecento: lo speech di Daniele Franco (vicedirettore generale
Banca d’Italia), “Le dimensioni della sostenibilità”.
venerdì 20 settembre, alle 15:00, Aula Magna Università: “Le multinazionali estere e l’economia italiana:
predatori o fattori di crescita, talk di Marco Mutinelli (università di Brescia), Daniele Cesaro (Unicredit),
Stefano Menghinello (Istat) e Gianluca Toschi (Fondazione NordEst).
venerdì 20 settembre alle ore 17.00 in Palazzo dei Trecento: Daniele Ferrazza (Nuova Venezia) intervista
Paolo Ghezzi direttore Infocamere, Mario Pozza vicepresidente Unioncamere, Alessandro Faramondi di Istat
su “Dati e strumenti per la crescita delle imprese e del territorio”, e Giuseppe Conigliaro di Almaviva
che presenta un ‘case study’.
• “Il Futuro… della comunicazione”
venerdì 20 settembre alle 17.30, a Palazzo Rinaldi: il talk “È arrivato il 5G. A cosa serve e come
funziona” con Patrizia Cacioli (Istat), Gabriele Ferrieri (Presidente ANGI) e Franz Russo (InTime Blog
Magazine).
sabato 21 settembre, alle 15.30, a Palazzo Rinaldi ci sarà il talk “Un giornalismo che va veloce” con Marco
Cobianchi (Truenumbers.it), Giorgio Baglio (Upday) e Francesco Specchia (Pop Economy).
• “E…il Futuro del Futuro?”
domenica 22 settembre alle 11.30 a Palazzo dei Trecento, Gian Luca Comandini (Task force blockchain –
MISE, opinionista Rai, giornalista), Roberto Paura (Presidente Italian Institute for the Future) e Samuele
Iaquinto (Università degli studi di Milano) si interrogheranno su “Il Futuro del Futuro”.

3

I LUOGHI DI STATISTICALL
•• Piazza dei Signori
per i tre giorni del Festival, l'“ISTAT CUBE SPACE – CONTENITORE DI EXPERIENCE PHIGITAL”
fruibile dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19 coinvolgerà i partecipanti con attività interattive basate su
meccanismi di gamification che hanno l’obiettivo di informare e sensibilizzare i cittadini sui temi chiave
del Censimento, attraverso l’uso di dati e statistiche.
•• Loggia dei Cavalieri
venerdì alle 19 l’attore Giobbe Covatta anche lui, a modo suo, parlerà di Statistica!
La Loggia ospita anche, come pure alcune strade del centro storico, “La statistica entra nelle fiabe-Teatro di
strada” con spettacoli alle 10, alle 12 e alle 17.
••• Chiesa di San Teonisto
venerdì alle 21 il “Rìding Tristocomico” dell’intrattenitrice Arianna Porcelli Safonov. Racconti satirici che
fanno arrivare risate inaspettate.
••• Palazzo Spineda di via Manin 75
Mostra “Diamo i numeri” a cura di Antonietta Mira
••• Campus Treviso di Ca’ Foscari
corso di formazione dedicato ai docenti “Idee e buone pratiche per insegnare. Come la Statistica aiuta a
interpretare il mondo che ci circonda”.
••• Piazza Borsa,
'emblema' del Festival, il luogo deputato agli “Spritz statistici”, a cominciare con lo Spritz analcolico
spaziale venerdì alle 15 con Luca del Monte dell’Esa.
Ma sono previsti anche quelli a tema “I numeri del Prosecco”.

IL PROGRAMMA… SUL DIGITALE
Il Festival può essere seguito sui canali social con l’hashtag: #StatisticAll.
PopEconomy, la prima multipiattaforma che racconta l’economia ai millennial, seguirà gli eventi del Festival
attraverso le dirette Facebook e Instagram e con il TgPop sul canale 224 del digitale terreste.
Tutti gli eventi del Festival sono ad ingresso libero. Per alcuni eventi potrà essere richiesta una pre-iscrizione.


Condividi sui social