redazione@tgplus.it
TG+

Smog, prossima l’allerta rossa – TG Plus NEWS

1.13KViews
Condividi sui social

Notizie 10 gennaio – ed. pomeriggio

 

Attualità. Smog, prossima l’allerta rossa

Non migliora la situazione dell’aria a Treviso. Sono ormai dieci i giorni consecutivi di sforamento dei livelli di polveri sottili e lunedì potrebbe scattare l’allerta rossa con ulteriori blocchi del traffico. Intanto il consigliere regionale democratico Zanoni accusa l’assessore Manera: “Treviso è capitale dell’inquinamento ma la giunta non fa nulla di concreto. A Castelfranco al posto dei Panevin si piantano alberi, nel capoluogo invece si continua a far finta di nulla”.

Cronaca. Monossido, madre e figlie intossicate

Dramma sfiorato ieri sera a Cessalto dove una donna di 35 anni e le sue bimbe di 10 e 4 anni hanno accusato un malore che ha richiesto l’intervento dei sanitari. A tutte e tre è stata diagnosticata un principio di intossicazione tanto da essere trasportate in Pronto Soccorso al Ca’ Foncello. Le indagini ipotizzano una fuga di monossido dall’impianto di riscaldamento.

Cronaca. Droga in casa, fidanzati in manette

Spacciava eroina col compagno a Mestre: una 36enne di Mogliano è stata arrestata ieri dai Carabinieri assieme al fidanzato, un 32enne tunisino, durante un’irruzione in un appartamento con l’unità cinofila. I due operavano in un locale di via Gioberti, già individuato dai militari come potenziale centrale dello spaccio di droga. Nel corso della perquisizione sono stati ritrovati cellulari, 1500 euro in contanti ed un etto di stupefacente. La donna è stata accompagnata ai domiciliari a casa, lo straniero invece è stato condotto in carcere.

Attualità. A marzo il Pronto Soccorso di Monastier

Potrebbe aprire già a marzo il nuovo punto di pronto soccorso realizzato dalla clinica Giovanni XXIII in convenzione con l’Ulss2 Marca Trevigiana. I lavori nel cantiere fervono ed entro due mesi dovrebbe aprire al pubblico che ha già mostrato di gradire l’opportunità informandosi presso la casa di cura. Il nuovo servizio dovrebbe alleggerire il lavoro del Ca’ Foncello che annualmente gestisce oltre 100mila casi.


Condividi sui social