redazione@tgplus.it
TG+ CulturaTG+ Cultura - TrevisoTG+ Cultura - Tutte le province

SPECIALE CINEMA – Mai raramente a volte sempre – TG Plus CULTURA

989Views
Condividi sui social

L’incredibile performance al debutto della neonata stella “in pectore” del cinema americano, Sidney Flanigan, nel terzo film diretto da Eliza Hitman

 

Autumn ha diciassette anni e vive in una cittadina della Pennsylvania con la madre, il suo nuovo compagno e due sorelline. Dopo la scuola lavora come cassiera in un supermercato, dove con la cugina Skylar sopporta le viscide attenzione di un suo superiore. Autumn è incinta di poche settimane e non potendo contare né sul presunto padre né sulla famiglia decide di andare ad abortire a New York. Accompagnata da Skylar, sale su un autobus e raggiunge la metropoli. Qui passerà tre giorni e due notti, a colloquio con medici e psicologici, in giro per strade e sale giochi con la cugina e un ragazzo conosciuto nel frattempo. Dopo l’operazione, Autumn e Skylar torneranno a casa, pronte a ricominciare la loro vita di sempre.

Questa la trama di “Mai raramente a volte sempre”, ma al terzo lungometraggio, l’americana Eliza Hitman affronta la questione dell’aborto come un argomento inevitabile, fuori da una logica morale o da un’intenzione neo-femminista. Il suo film è la cronaca di una decisione, di un viaggio, di un percorso psicologico e medico, di un rapporto fra due ragazze che si rispettano e si vogliono bene come due cugine, senza essere amiche ma riconoscendosi reciprocamente. Come due donne naturalmente solidali.

Mai Raramente A Volte Sempre è Gran premio della Giuria alla Berlinale – Berlin International Film Festival 2020.  Al cinema.


Condividi sui social