redazione@tgplus.it
TG+ Cultura

Cinema: Non ci resta che il crimine – TG Plus CULTURA 9 gennaio

1.09KViews
Condividi sui social

Non ci resta che il crimine di Massimiliano Bruno è una commedia in cui la realtà supera l’immaginazione e in cui tutto può succedere come per esempio ritrovarsi improvvisamente, per destino o per caso, negli anni 80.
E’ esattamente quello che succede a tre improbabili amici che hanno fatto dell’arte di arrangiarsi uno stile di vita. Il film è ambientato a Roma nel 2018. Dove questi tre amici per sbarcare il lunario s’inventano un “tour criminale” per i luoghi che furono il teatro delle gesta della banda della Magliana, con tanto di abiti d’epoca. All’improvviso però vengono catapultati nel 1982, nei giorni dei mondiali di Spagna, trovandosi di fronte la vera banda della Magliana, che all’epoca gestiva le scommesse clandestine sul calcio.

“Ci siamo avvicinati modestamente a un capolavoro come Non ci resta che piangere, ma lo abbiamo ambientato negli anni 70 anziché nel Medioevo” ha raccontato Marco Giallini, tra i protagonisti del film assieme ad Alessandro Gassman, Gianmarco Tognazzi, Edoardo Leo ed Ilenia Pastorelli.

Sicuramente Non ci resta che il Crimine è la pellicola italiana più attesa di questo inizio 2019, non soltanto per il cast di prim’ordine, ma anche perché dietro la scrittura del film c’è lo zampino di quattro grandi progessionisti professionisti: dal regista Massimiliano Bruno a Andrea Bassi, da Nicola Guaglianone allo sceneggiatore Menotti, quasi lo stesso team del grande successo di due anni fa, Lo Chiamavano Jeeg Robot con Carlo Santamaria, Luca Marinelli e la stessa Ilenia Pastorelli. Qui cambia solo il regista, Bruno al posto di Gabriele Mainetti.

Non ci resta che il Crimine è nelle sale da giovedì 10 gennaio.


Condividi sui social